Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Tagli, il governo sceglie Bondi: dopo la Parmalat tocca ai Ministeri

Enrico Bondi, il commissario straordinario che ha risanato i conti della Parmalat dopo il crac dell'era Tanzi, è stato scelto per razionalizzare la spesa dei Ministeri ed evitare l'aumento dell'Iva

Enrico Bondi sara' commissario straordinario con l'incarico di razionalizzare la spesa per l'acquisto di beni e servizi. Il suo mandato durera' un anno. La decisione arriva dal Consiglio dei Ministri. Il Cdm, riunitosi oggi a Palazzo Chigi, ha infatti valutato la proposta del ministro per i Rapporti con il Parlamento, Piero Giarda, di mettere alla guida di una task force ''ad hoc'', nell'ambito della cosiddetta spending review, chiesta dallo stesso ministro, l'ex commissario straordinario della Parmalat.

La struttura commissariale seguira' le indicazioni operative che arriveranno dal ministro per i Rapporti con il Parlamento Piero Giarda, che ha gia' la delega per la spending review.
Riguardo poi ai risparmi previsti, nel giro di due mesi al massimo il Consiglio dei Ministri emanera' un decreto legge per una riduzione di spesa da parte dei ministeri di poco superiore ai 4 miliardi di euro (4,2) in 7 mesi, risparmio che evitera' l'innalzamento dell'Iva dal 21 al 23%.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli, il governo sceglie Bondi: dopo la Parmalat tocca ai Ministeri

ParmaToday è in caricamento