menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fiamme Gialle: sequestrati 400mila euro ad un imprenditore cinese

L'uomo, residente a Parma e titolare di un'azienda tessile, non dichiarava le proprie entrate, pur mantenendo un tenore di vita milionario. Negli anni ha commesso violazioni in materia d'IVA per 2.500.000 euro

Le Fiamme Gialle di Parma hanno proceduto ad un sequestro preventivo di beni nei confronti di un commerciante cinese residente in città. Nonostante un appartamento di proprietà, conti correnti, due Suv BMW, un X5 ed una X6, l’uomo ha omesso di dichiarare al fisco importi milionari, commettendo violazioni in materia di IVA per oltre 2.500.000 euro.

I militari di via Torelli hanno sequestrato l’abitazione e denaro per l’importo di 400.000 euro. L’attività investigativa ha preso il via pochi mesi fa durante dei controlli su un’impresa tessile operante a Parma, e gestita da un imprenditore cinquantenne cinese indagato per reati di natura fiscale. L’azione ispettiva ha coinvolto le attività dell’uomo dal 2004 al 2009 con controlli rivolti anche al resto della famiglia.

L’imprenditore cinese si era spogliato dei propri averi intestandoli al figlio mediante delle transazioni finanziarie simulate tese soltanto ad occultare il fittizio passaggio della proprietà dei beni. L’uomo ha tentato così inutilmente di evitare il sequestro attuato dalla Guardia di Finanza.

Continua il controllo su attività gestite da imprenditori cinesi, anche per il fatto che ad esse sono spesso ricollegabili attività illecite come lavoro nero, nonché alla costituzione di imprese destinate ad essere utilizzate esclusivamente per l’emissione e l’utilizzazione di false fatture per operazioni inesistenti.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento