Guidava senza patente né assicurazione, 38enne inseguito e bloccato: 6 mila euro di multa

L’uomo, che si aggirava davanti a un’abitazione, è stato inseguito da un agente della Polizia Pedemontana a Traversetolo

Prima viene fermato mentre cammina al telefono con fare sospetto davanti all’ingresso di un’abitazione. Dopodiché sale abordo della sua auto senza assicurazione e si mette alla guida senza patente. Ma un agente della Polizia Pedemontana, che si trovava in zona per effettuare alcuni accertamenti di routine, lo ha inseguito e fermato, dopodiché è scattato il sequestro del mezzo e gli sono state comminate due multe per un totale di 5.849 euro.

Protagonista della curiosa passeggiata apparentemente senza meta e della gita in auto, è stato A.N.U., 38enne anni che poco dopo le 16 di mercoledì 4 aprile gironzolava in via Dei Gandazzi, zona residenziale isolata in località Cazzola, nel comune di Traversetolo. L’agente lo ha subito notato e, insospettito dal suo comportamento, lo ha fermato chiedendogli dove dovesse andare e se abitasse nella zona. L'uomo, con precedenti penali ma regolare permesso di soggiorno, ha risposto in modo evasivo di essere alla ricerca del fratello che lavorava nelle vicinanze, indicando con la mano la direzione sud-ovest verso via Pedemontana. L’operatore di polizia, dopo aver controllato l’ingresso dell’abitazione, ha notato una Ford Mondeo con nessuno a bordo, visibilmente danneggiata. Poi ha ripreso la sua normale attività, in particolare l’accertamento di una residenza. Terminato il controllo, però, si è diretto verso la zona indicata dal ragazzo, notando nuovamente la Ford Mondeo, guidata dall'uomo stesso mentre svoltava in via Pedemontana, direzione Felino. Immediata è scattata la chiamata alla centrale di via Donella Rossi per controllare il veicolo, che è risultato privo di assicurazione. A quel punto, l’agente ha chiesto l’invio di una pattuglia a supporto e si è lanciato all’inseguimento della Ford Mondeo che però, a causa dell’intenso traffico, non ha potuto fermare.

Giunto a Pilastro, il conducente imboccava via Langhirano in direzione Parma, ma l’agente riusciva a bloccarlo costringendolo ad accostare. Il 38enne ha ammesso subito di non essere in
possesso della licenza di guida e, in attesa dell’arrivo della pattuglia, ha continuato a telefonare tranquillamente, utilizzando due cellulari di ultima generazione, un iPhone 6 Plus e un iPhone
X. Forse perché, si è scoperto poi, era già stato fermato altre volte senza licenza di guida. Per l’auto, peraltro di proprietà di un altro uomo è scattato il sequestro e all’uomo sono state contestate le due violazioni al Codice della Strada per guida senza patente (5.000 euro) e senza assicurazione (548 euro).

L’operazione rappresenta l’ultimo capitolo di una lunga serie di controlli che da tempo gli uomini della Polizia Pedemontana portano avanti in modo capillare su tutto il territorio dell’Unione.
E grazie all’utilizzo di una telecamera mobile con tecnologia OCR, che permette di verificare in tempo reale eventuali irregolarità dei veicoli, dall’inizio dell’anno sono 70 le auto sanzionate perché prive di assicurazione. Un vero record. Il sindaco di Traversetolo e vicepresidente dell’Unione, Simone Dall’Orto, plaude all’operazione, «ennesima dimostrazione che gli agenti di Polizia locale, e non i “vigili” come qualcuno si ostina a chiamare in modo inappropriato e inopportuno, non si occupano più soltanto di multe. La continua formazione che il Corpo della Pedemontana sta portando avanti – prosegue il primo cittadino – ne migliora la professionalità, dando loro di nuovi strumenti per la prevenzione dei reati e il controllo del territorio. Operazioni come queste da un lato si ripagano gli investimenti in formazione e dotazioni tecnologiche, dall’altro dimostrano la grande attenzione e senso del dovere dei nostri agenti, tant’è che in questo caso il nostro operatore, oltre ad avere un “occhio investigativo”, nonostante fosse solo è entrato in azione senza pensarci su due volte. A lui va la mia massima stima e un grande ringraziamento. L’input di svolgere attività di controllo non solo nei capoluoghi ma anche nelle frazioni, sta pagando. I cittadini – conclude Dall’Orto – possono essere soddisfatti di questi servizi di prossimità che la
Polizia dell’Unione Pedemontana Parmense sta portando avanti in modo capillare e quotidiano».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

  • Pioggia e vento, allerta gialla nel parmense: week end con temperature in discesa

  • Un uomo minaccia di lanciarsi dal viadotto: fermato all'altezza di Fontevivo

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

Torna su
ParmaToday è in caricamento