rotate-mobile
NAS

I Nas nei locali della movida: tra sanzioni e chiusure

Nell'ambito di questo intervento, sono stati ispezionati 15 esercizi pubblici, in alcuni dei quali sono state riscontrate diverse criticità

I militari dei 12 NAS dell’Italia centrale, nel corso di un servizio coordinato disposto dal Gruppo Carabinieri per la Tutela della Salute di Roma, hanno effettuato controlli agli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande nelle località turistiche, nelle aree della movida e laddove sono in atto alcuni dei principali eventi di aggregazione, al fine di garantire la tutela della salute dei consumatori. A Parma gli uomini del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità, con il supporto dei militari della locale Arma Territoriale, hanno condotto una serie di controlli straordinari presso le aree della movida cittadina, come disposto dal Gruppo Carabinieri per la Tutela della Salute di Roma.

Nell'ambito di questo intervento, sono stati ispezionati 15 esercizi pubblici, in alcuni dei quali sono state riscontrate diverse criticità. Le principali in un bar-paninoteca, dove è stata riscontrata l'assenza del dispositivo di rilevazione del tasso alcolemico e la mancata esposizione delle tabelle che riproducono i sintomi correlati all'assunzione di alcol. Inoltre, non era esposto il cartello indicante il divieto di fumare. In un altro esercizio commerciale è stata riscontrata l'assenza del dispositivo di rilevazione del tasso alcolemico e la mancata esposizione delle tabelle che riproducono i sintomi correlati all'assunzione di alcol, oltre all'inottemperanza agli orari di chiusura previsti da ordinanza comunale. I carabinieri del Nas hanno ispezionato un fast food etnico che ha violato l'ordinanza comunale relativa al divieto di vendita di bevande alcoliche da asporto dalle ore 22:00 alle 06:00.

Sono state rilevate carenze igienico sanitarie all'interno di un locale. La presenza di sporco vetusto, polvere sulle superfici e formazioni di ragnatele sulle pareti ha indotto i carabinieri a intervenire. Le celle frigo presentavano formazioni di brina e sporco, inoltre era presente lo stoccaggio sul pavimento di derrate alimentari che ostacolavano le ordinarie operazioni di pulizia. Un minimarket ha violato l'ordinanza comunale relativa al divieto di vendita di bevande alcoliche da asporto dalle ore 22:00 alle 06:00. Ai legali responsabili di questi esercizi pubblici sono state comminate sanzioni pecuniarie per un importo complessivo di 3.140 euro. Durante i controlli, sono stati inoltre contravvenzionati un venticinquenne di origini somale ed un ventitreenne italiano, che si sono resi responsabili di atti contrari alla pubblica decenza, urinando in luogo pubblico. Nei loro confronti sono state comminate sanzioni pecuniarie di 102 euro ciascuna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Nas nei locali della movida: tra sanzioni e chiusure

ParmaToday è in caricamento