Anci Emilia-Romagna: 'Al posto dell'Imu tassare il gioco d'azzardo'. Pizzarotti firma l'appello

Tutti i sindaci della Regione hanno sottoscritto l'appello del sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci che propone di emendare il decreto del 30 novembre: al posto della seconda rata dell'Imu una tantum sul gioco d'azzardo

Il sindaco Federico Pizzarotti ha sottoscritto l’appello del Sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci, a nome dell’Anci-Emilia-Romagna e di tutti i Sindaci delle città capoluogo della Regione. Dichiarazione del Sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci. "Il Presidente dell’ Anci dell' Emilia Romagna Daniele Manca mi ha incaricato di seguire l’iter del decreto sull'imuEcco il testo della lettera aperta che invio oggi a nome dell' Anci Emilia Romagna al Presidente del Consiglio Enrico Letta, al Vice Presidente del Consiglio Angelino Alfano, ai Capigruppo di  Camera e Senato e al Presidente nazionale dell’Anci Piero Fassino. "Se il decreto non cambia chiediamo ai parlamentari dell'Emilia-Romagna di bocciare il decreto a gennaio". 

Nella lettera, l’Anci Emilia-Romagna propone di emendare il decreto del 30 novembre sostituendo con un’ “una tantum” sul gioco d’azzardo la mini Imu di gennaio"“Illustrissimi, in alternativa alla stangata Imu sulla prima casa di gennaio, proponiamo una tassa una tantum sul gioco d’azzardo. Oggi formalizziamo questa nostra proposta, suggerendo di emendare il decreto del Governo. Invitiamo i parlamentari dell’Emilia Romagna ad operare da subito per modificare il decreto e, in assenza di modifiche, a votare contro a gennaio al momento della sua conversione in legge.

Il nostro emendamento assicura ai Comuni la copertura integrale del minore gettito derivante dall’abolizione della seconda rata Imu sull’abitazione principale e su altre categorie di immobili, stimata in 2,514 miliardi di euro (+ 350 milioni di euro rispetto alla copertura indicata nel testo originario del D.L. n. 133) ed abroga, conseguentemente, le disposizioni che prevedono il pagamento di una mini Imu a gennaio 2014. La copertura aggiuntiva viene prospettata attraverso un’addizionale “una tantum” sul prelievo fiscale sul gioco d’azzardo. Al riguardo, si evidenzia che, secondo l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, la raccolta del gioco d’azzardo è stata nel 2011 di quasi 80 miliardi di euro a fronte di 14,3 miliardi del 2000. Il fenomeno sembra in costante aumento, tanto che nel 2013 dovrebbe toccare un valore complessivo sopra i 90 miliardi di euro, anche a causa di una pubblicità pervasiva e di un’offerta sempre più varia che copre l’intero arco della giornata (è possibili giocare quasi in ogni luogo, dal supermercato al web). Ma se il fatturato legato al gioco d’azzardo è aumentato vertiginosamente, i ricavi per lo Stato sono aumentati solo marginalmente (nel 2011 l’incasso per lo Stato è risultato di 8,5 miliardi., con un incremento dal 2001 al 2011 di meno di 3 miliardi), in quanto l’imposta media sulle entrate del gioco è fortemente diminuita ed è, ora, inferiore all’11%, una cifra molto più bassa rispetto all’IVA del 22% che si paga normalmente sui beni di consumo. 

Questa la proposta di emendamento. 

L’art. 1, comma 3, è così modificato: Al fine di assicurare il ristoro del minor gettito dell'imposta municipale propria di cui al comma 1 dell’articolo 13 del decreto-legge n. 201 del 2011, derivante dalla disposizione recata dal comma 1 del presente articolo, è attribuito ai comuni per l'anno 2013 un contributo di 2.514.048.210,99. Dopo il comma 3 è aggiunto il comma 3bisIl contributo di cui al comma 3 è ripartito tra i comuni interessati, con decreto del Ministero dell’interno, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, da adottare, sentita la Conferenza Stato-città ed autonomie locali, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, in proporzione alle stime di gettito da imposta municipale allo scopo comunicate dal Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia e delle Finanze.L’art.1, comma 5, è abrogato.L’art. 1, comma 6, è abrogato.

Dopo l’art. 2 è aggiunto il seguente art. 2 bis – Tassa addizionale “una tantum” sul gioco d’azzardo 1. Per l’anno 2013 è istituita un’addizionale “una tantum” sul prelievo fiscale sul gioco d’azzardo. 2. Con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, da adottarsi entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto sono stabilite aliquote, termini e modalità di applicazione di quanto previsto al comma 1.

L’art. 8 è così modificato:1. Agli oneri derivanti dagli articoli 1 e 2, pari complessivamente a 2.513,097 milioni di euro per l'anno 2013 e 1.500,653 milioni di euro per l'anno 2014, si provvede mediante utilizzo delle maggiori entrate derivanti dagli articoli 2 e 2 bis. Siamo assolutamente convinti che questo prelievo una tantum sul gioco d’azzardo si possa anzi si debba fare. In generale ribadiamo l’ esigenza di istituire nuove regole per queste attività che rovinano la vita a troppe famiglie”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Seguono le firme di Daniele Manca, Presidente Anci Emilia Romagna e Sindaco di Imola e di tutti gli altri Sindaci dei Comuni capoluogo della Regione: Virginio Merola, Sindaco di Bologna, Roberto Balzani, Sindaco di Forlì, Paolo Dosi, sindaco di Piacenza, Andrea Gnassi, Sindaco di Rimini. Ugo Ferrari, Vice Sindaco di Reggio Emilia. Fabrizio Matteucci, Sindaco di Ravenna, Paolo Lucchi, Sindaco di Cesena, Giorgio Pighi, Sindaco di Modena, Federico Pizzarotti, sindaco di Parma e Tiziano Tagliani, Sindaco di Ferrara.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Torna il volo Parma-Trapani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento