Albareto, l'incendio di novembre è colposo: 70enne denunciato dalla Forestale

L'uomo è stato individuato e denunciato dal Corpo Forestale dello Stato per incendio boschivo colposo. Si è arrivati al responsabile utilizzando il metodo delle evidenze fisiche dopo una approfondita indagine

Un pensionato settantenne di Albareto è stato identificato e denunciato dagli uomini del Corpo Forestale dello Stato di Borgo Val di Taro a seguito di una complessa indagine per l’incendio dello scorso 11 novembre in località Boschetto di Albareto.

Nella notte tra il 10 e 11 novembre si è sviluppato un incendio di vaste dimensioni nei boschi del Comune di Albareto, le squadre di spegnimento dei Vigili del fuoco, supportate da Personale del Corpo Forestale, riuscivano a domare le fiamme solo in tarda mattinata quando sopraggiungeva da Bologna un elicottero dei VV.F. Si rilevava da subito l’insolito periodo per gli incendi boschivi, la provincia di Parma normalmente è infatti interessata dal fenomeno nel periodo tardo invernale-inizio primaverile e in minor misura nel periodo estivo.

L’area percorsa dalle fiamme interessava buona parte del versante e la superficie boscata, costituita prevalentemente da bosco ceduo di faggio, querce e castagno, grazie alla perimetrazione eseguita, è risultata essere superiore a 24 ettari. Immediatamente i Forestali iniziavano l’attività di indagine tecnica di repertazione per risalire alle cause del rogo ed ai suoi autori. Per individuare l’area di innesco dell’incendio si è impiegato il metodo delle evidenze fisiche, metodo scientifico-empirico utilizzato da svariati anni a livello internazionale e dal 2002 anche dal Corpo Forestale. Veniva ripercorsa l’intera area percorsa dal fuoco dai repertatori della Forestale in cerca di ogni minimo segno che indicasse il passaggio del fuoco, seguiva una complessa attività di valutazione e analisi dei diversi indicatori. Grazie alla scrupolosa applicazione del M.E.F. si è riusciti ad individuare con esattezza il punto di insorgenza del fuoco e del calore che risultava essere divampato da un castagneto recentemente oggetto di lavori forestali. 

In particolare i Forestali sono riusciti a determinare l’esatto punto di insorgenza delle fiamme corrispondente ad una ceppaia utilizzata come braciere per l’abbruciamento di ramaglie e altri scarti vegetali nel bosco a seguito del recente taglio. Da qui iniziavano gli accertamenti per risalire all’identità del responsabile che risultava essere la medesima persona che aveva effettuato il taglio boschivo e che intendeva pulire il bosco. Il pensionato è stato quindi denunciato per incendio boschivo colposo e rischia da uno a cinque anni di reclusione come disciplinato dal secondo comma dell’articolo 423 bis del codice penale. Gli uomini del Corpo Forestale dello Stato gli hanno inoltre contestato sanzioni per un totale di 200 euro per il mancato rispetto delle Prescrizioni di Massima e di Polizia Forestale che prevedono l’obbligo entro le 48 ore precedenti di comunicare al locale Comando Stazione Forestale l’intenzione di procedere con l’abbruciamento dei residui vegetali.

L’attività dell’abbruciamento in loco dei residui derivanti dalle utilizzazioni boschive deve essere effettuata rispettando la normativa nazionale che definisce le modalità e le quantità permesse per la normale pratica agricola e i regolamenti regionali che prevedono dei periodi di massima pericolosità in cui l’accensione di fuochi risulta vietata. Non si può però prescindere dal seguire semplici regole dettate dal buon senso come evitare di accendere fuochi nelle giornate con forte vento e non abbandonare il luogo fino a che le fiamme non siano completamente spente. Gli incendi dei boschi, infatti, oltre a mettere a rischio la vita delle persone, possono causare enormi disastri ecologici distruggendo intere porzioni di territorio ricche di biodiversità e di soprassuoli in grado di produrre ossigeno e diminuire l’inquinamento atmosferico. Il patrimonio boschivo, inoltre, contribuisce alla stabilità dei terreni prevenendo fenomeni quali alluvioni, frane e smottamenti che sempre più spesso si registrano nel nostro paese.

In caso di avvistamento di un incendio avvisare subito il Corpo forestale dello Stato, telefonando al numero 1515 o agli altri numeri di pronto intervento.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telefonate per cambiare contratti luce e gas: Federconsumatori mette in guardia gli utenti

  • Bomba d'acqua a Parma: allagamenti e disagi alla circolazione stradale

  • Fatture false, società fantasma e fondi di denaro 'occulti' per evadere il fisco, tre arresti: sequestrati immobili di lusso

  • Assicuratore-pusher 37enne gestiva un traffico di marijuana e hashish in Università: quattro arresti

  • Gioca 5 euro e vince 66 milioni di euro: maxi vincita al Superenalotto a Basilicagoiano

  • Lista delle 20 città più belle d’Italia: Fontanellato all'ottavo posto

Torna su
ParmaToday è in caricamento