Incendio doloso in via Colla, gli inquilini: "Poteva essere una strage"

Il palazzo totalmente rovinato dal fumo e i residenti salvi per miracolo. Gli inquilini affermano: "Se ci fosse stata la signora novantaseienne che di solito alle 14.30 si addormenta per il riposino pomeridiano e vive nell'appartamento sopra a quello incendiato sarebbe morta nell'incendio"

L'interno dell'abitazione distrutta dalle fiamme - foto Parmatoday

Un forte odore di fumo e plastica bruciata, una squadra di pulizie al lavoro e un'altra che mette in sicurezza l'edificio, pareti completamente nere. Questo lo scenario che appariva questa mattina, 1° settembre, nel palazzo di via Colla, traversa di via Baganza, dove il 30 agosto un inquilino di 45 anni ha dato fuoco al suo appartamento. All'interno del locale ancora visibili gli inneschi. Alcuni inquilini spiegano: "A nostro avviso é una tentata strage. Se ci fosse stata la signora novantaseienne che di solito alle 14.30 si addormenta per il riposino pomeridiano e vive nell'appartamento sopra a quello incendiato sarebbe morta nell'incendio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora la signora é a casa di sua figlia e alcuni inquilini si danno da fare per pulire le loro case rovinate dal fumo e dicono: "Questa persona non é nuova ad atti simili. Aveva già tentato di appiccare un incendio in cantina e uno di noi lo ha sorpreso nei giorni scorsi che provava ad accendere dei fogli di carta in balcone. Per un altro vicino al suo balcone passano i tubi del gas che se fossero esplosi avrebbero davvero innescato una strage tra il vicinato". Spiegano anche che l'uomo che ha appiccato il fuoco al suo appartamento sarebbe uscito tranquillamente dal suo appartamento dopo avergli dato fuoco e che sarebbe rimasto nei paraggi affermando di essere stato lui ad appiccare l'incendio. Molta rabbia tra le persone che hanno perso molto e dicono di sperare che il loro vicino non invochi l'infermità mentale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Parma, un positivo al covid: scatta il ritiro per la squadra

  • Coronavirus: tutti gli aggiornamenti sul nuovo focolaio nella Bassa parmense

Torna su
ParmaToday è in caricamento