Borgotaro, in fiamme lo stabilimento Oppimitti: è la seconda volta in pochi anni

Nel tardo pomeriggio di ieri, intorno alle 19, un incendio ha nuovamente interessato lo stabilimento di Oppimitti, azienda di racconta e compostaggio di rifiuti, già convolto in un grande rogo qualche anno fa.

Nel tardo pomeriggio di ieri, intorno alle 19, un incendio ha nuovamente interessato lo stabilimento di Oppimitti, azienda di raccolta e compostaggio di rifiuti, già convolto in un grande rogo qualche anno fa. Sul posto sono intervenute molte squadre dei vigili del fuoco di Borgotaro, una squadra di Fidenza, la botte di Parma, una squadra locale di Protezione Civile e i Carabinieri di Borgotaro che stanno facendo gli accertamenti del caso. L' incendio, che ha coinvolto la stessa parte di capannone interessata nel primo rogo, è stato domanto in tarda serata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento