Inceneritore, Allegri torna all'attacco: "Un dirigente provinciale ha aggirato la determina dell'Aia"

Il 16esimo esposto dell'avvocato Allegri contro l'inceneritore è stato depositato. Questa volta non si parla solo dell'impianto non ultimato ma anche di un dirigente provinciale: "L'impianto non è agibile"

Il 16esimo esposto dell'avvocato Allegri contro l'inceneritore è stato depositato. Questa volta non si parla solo dell'impianto non ultimato ma anche di un dirigente provinciale.  "E' stato Alifraco - spiega Allegri - che con una determina ha aggirato la delibera dell'Aia". Cosa è successo: nella delibera dell'Aia vengono stabilite delle regole precise per la messa in funzione del forno, tra queste l'avvocato fa riferimento in particolare a quella che prevede un'accensione provvisoria dell'impianto per 35 giorni, un periodo definito "regime provvisorio" in cui i primi 5 giorni sono dedicati alla messa a punto e al collaudo dell'inceneritore.

In sostanza il dirigente provinciale ha aggiunto, con la determina 887 del 2013, una fase preliminare ai 35 giorni attraverso cui l'inceneritore potesse iniziare a lavorare per verificare il corretto funzionamento di parti dell'impianto, e non per avviare un "esercizio provvisorio". "Tutto questo è stato fatto dal dirigente in risposta a un'istanza di Iren", commenta Allegri che continua: "Quando il 7 maggio ci siamo recati in Provincia abbiamo portato un volantino in cui spiegavamo che l'impianto non poteva essere messo in funzione se prima non venivano ultimati i lavori e che, in ultimo, serviva anche l'agibilità da parte del Comune. Solo il 23 maggio, dopo il sopralluogo dei vigili avvenuto il giorno prima, la Provincia in sostanza ci ha dato ragione: l'impianto non è completo e per questo ha bloccato l'inceneritore chiedendo infine che anche il Comune dichiarasse l'agibilità".

Una vittoria per l'avvocato che da anni si batte contro la realizzazione, prima, e la messa in funzione, dopo, del termovalorizzatore di Ugozzolo.  E per il 15 giugno è confermata anche la manifestazione che alle 15 partirà da piazza Garibaldi e, passando per via Repubblica, si concluderà davanti alle porte della Provincia. Intanto è attesa per oggi la sentenza della Cassazione sulla richiesta di sequestro dell'inceneritore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Parma, ipotesi Longo come nuovo Ceo

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento