menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gcr: "Iren chiede di chiudere una linea". La replica: "E' falso"

Dopo la diffusione di un comunicato stampa dell'Associazione Gestione Corretta Rifiuti la risposta di Iren: "L'associazione dimostra totale mancanza di conoscenza con l'esclusivo fine di mistificare la realtà"

"Forse, come in passato, l’Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma ha lanciato un pesce d’aprile, o più probabile anche oggi assistiamo alla diffusione dell’ennesimo comunicato stampa che dimostra totale mancanza di conoscenza con l’esclusivo fine di mistificare la realtà.
 
GCR asserisce che Iren ha deciso di “chiedere alla Provincia di chiudere una linea e portare l'impianto a 65 mila tonnellate di rifiuti l'anno, contro i 130 mila previsti.” E’ falso, nessuna richiesta di questa natura è stata inoltrataIl PAI sta operando in fase di esercizio provvisorio e prosegue nella sua attività di messa a punto degli impianti, degli automatismi e di tutti i processi, attivando e fermando le linee di combustione in funzione delle esigenze di test.

Il GCR sostiene, poi, che vi siano difficoltà “con il collegamento alla rete di teleriscaldamento che doveva dar modo di recuperare il calore prodotto nei forni.” Anche questo è falso. Il collegamento del PAI alla rete di teleriscaldamento di Parma è attivo dallo scorso dicembre e già nei primi tre mesi del 2014 ha coperto il 55% del fabbisogno di calore per alimentare il servizio cittadino e raggiungerà il 100% con l’entrata in esercizio definitivo dell’impianto.

Ancora il GCR afferma che “la linea che Iren intende chiudere è quella dedicata ai rifiuti speciali delle aziende” in questo caso l’affermazione non solo è falsa, ma priva di senso poiché non esiste una linea dedicata ai rifiuti speciali. Entrambe le linee del termovalorizzatore smaltiranno i rifiuti urbani e, a saturazione della capacità complessiva, i rifiuti speciali, come previsto dall’Autorizzazione Integrata Ambientale.
 
La volontà dell’Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma di continuare a diffondere informazioni false e mistificatorie, senza acquisire una corretta conoscenza dei fatti, risulta ormai evidente ai cittadini che riteniamo debbano, invece, essere trattati con rispetto, serietà, responsabilità ed sulla base di un’effettiva conoscenza dei problemi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale: a Parma quasi 174 mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento