Gcr: "Il nostro sacchetto nero? Per Iren è la gallina dalle uova d'oro"

Duro attacco all'azienda che gestirà l'inceneritore di Ugozzolo. L'associazione ricorda il decreto Ronchi: "I rifiuti devono essere smaltiti senza pericolo per la salute dell'uomo e senza recare danno all'ambiente"

Il tema dei rifiuti è molto sentito e dibattuto in questi ultimi tempi a Parma. I cittadini, fino a poco fa addirittura ignari che si stesse costruendo un inceneritore alle porte della città, cominciano ad informarsi e a pretendere risposte chiare ed esaustive sui rischi sanitari, sui sui costi dell'impianto di Ugozzolo e sulle alternative possibili.

Sui costi abbiamo assistito a un balletto di numeri sconcertante, per un impianto che è stato approvato nel 2007, i cui costi dovrebbero essere certi e definitivi. Siamo passati da 180 milioni approvati nel progetto definitivo, alle voci di incrementi fino all’esorbitante cifra di 315 milioni di euro per poi sentire, dopo innumerevoli sollecitazioni da parte del GCR e dello stesso Sindaco, Andrea Viero comunicare che i milioni sono diventati 193.
Due cose vorremmo chiedere a Viero: come giustifica l’incremento di 13 milioni di euro che, come diceva Frassica, tutto sommato non sono bruscolini? Adeguamenti? Prescrizioni? Miglioramenti? Ci può dettagliare Viero come spenderà 13 milioni di euro che poi inevitabilmente dovranno essere recuperati tramite le tariffe sui rifiuti pagate da tutti noi? Altra domanda: se l’impianto costa 193 milioni perché avete chiesto un finanziamento alla Banca Europea di Investimenti per 265 milioni di euro?

Sono tutti dubbi irrisolti che sarebbero perfettamente chiariti se Iren pubblicasse il Piano Economico Finanziario dell’opera. Un piano segretissimo che neanche Wikileaks può svelare, un mistero coperto e chiuso in una cassaforte che neanche il KGB avrebbe saputo conservare meglio. Poi è di questi giorni la notizia che a Parma abbiamo avuto nel 2009 l’incremento di tariffe più elevato dell’Emilia Romagna (7,8%). “Vedete! E’ perché non avete il forno cari cittadini di Parma!” … tuonerebbe Andrea Viero. Peccato che anche a Reggio e a Piacenza, che il forno già ce l’hanno, abbiano avuto incrementi simili (+7,3 e +7%).

Peccato che il decreto Ro

nchi imponga alla multi utility il recupero degli investimenti esclusivamente tramite le tariffe. La verità è che il nostro sacchetto nero, per Iren, è come la gallina dalle uova d’oro: paghiamo per ritirarcelo, Iren lo brucia e riceve gli incentivi statali sotto forma di certificati verdi, quindi Iren ci fa anche pagare per il teleriscaldamento. E’ il business del momento! Andrea Viero si frega le mani: i politici di Parma si adeguano ai suoi diktat. La salute dei cittadini? Un effetto collaterale di banale rilevanza.

A tutti vogliamo ricordare l'articolo 2 del Decreto Ronchi, che disciplina la gestione dei rifiuti a livello nazionale. I rifiuti devono essere recuperati o smaltiti senza pericolo per la salute dell'uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio all'ambiente e, in particolare:
a) senza determinare rischi per l'acqua, per l'aria, per il suolo e per la fauna e la flora;
b) senza causare inconvenienti da rumori o odori;
c) senza danneggiare il paesaggio e i siti di particolare interesse, tutelati in base alla normativa vigente.

Proprio quello che sta facendo Iren a Ugozzolo...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Associazione Gestione Corretta Rifiuti

LEGGI TUTTO IL DOSSIER SULL'INCENERITORE

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento