Ugozzolo, i No Termo occupano l'inceneritore e attaccano Pizzarotti

Circa un centinaio di manifestanti stanno occupando l'inceneritore di Ugozzolo: uno degli ingressi è completamente bloccato: i camion non passano e all'interno i No Termo hanno fatto scritte e posizionato alcuni striscioni: uno di questi nei pressi del camino del forno

Circa un centinaio di manifestanti stanno occupando l'inceneritore di Ugozzolo: uno degli ingressi è completamente bloccato: i camion non passano e all'interno i No Termo hanno fatto scritte e posizionato alcuni striscioni: uno di questi nei pressi del camino del forno.  Sul posto sono arrivate diverse volanti di Polizia ma la situazione è per ora tranquilla. I no Termo che provengono da alcuni centri sociali dell'Emilia-Romagna e da Art Lab di Parma sono entrati all'interno dell'inceneritore e chiedono che venga spento e bloccato. All'interno son state fatte numerose scritte contro il termovalorizzatore e contro il sindaco Federico Pizzarotti. 

"È da un anno che stiamo attendendo che l'amministrazione 5 Stelle di questa città faccia qualcosa, così come promesso nel corso della campagna elettorale - ha spiegato Luigi Iasci, un portavoce dei gruppi -, ma adesso è giunto il momento di intervenire. Esiste una contrarietà forte a questo impianto che sorge nel territorio più inquinato d'Europa e a due passi dalla città quarta in classifica italiana per sforamenti ai limiti delle pm10".

"Il governo - sostengono i manifestanti - ha deciso la gestione integrale del sistema di inceneritori sul territorio, motivo per cui il programma del sindaco Federico Pizzarotti di 'affamare' l'inceneritore di Ugozzolo è inattuabile. E questo per una ragione molto semplice: perché i rifiuti arriveranno da fuori provincia e la gestione toccherà al presidente dell'Emilia-Romagna. Ricordiamo a tutti che lo stesso Pizzarotti e persino Grillo avevano annunciato di essere intenzionati a impedire con i loro stessi corpi l'ingresso ai camion, ma qui davanti ai cancelli non si sono mai visti". L'inceneritore era stato acceso a fine giugno per l'esercizio provvisorio, tra polemiche e azioni giudiziarie al Tar che si susseguono da oltre due anni. Per i manifestanti l'azione di oggi, destinata a interrompersi a breve, vuole essere la "dimostrazione che la battaglia per la chiusura non è perduta, anche se i comitati anti inceneritore di Parma hanno di fatto delegato la loro azione a una amministrazione che chiaramente non ha alcun interesse a portare a termine gli impegni elettorali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Pestato a sangue per aver difeso un collega: barista di Busseto in ospedale

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento