menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inceneritore, attivisti e famiglie bloccano l'ingresso dei camion: "Stop ai distacchi delle utenze"

Una sessantina di persone a partire dalle 10.30 della mattina di sabato 28 marzo hanno bloccato l'ingresso dei camion in strada della Lupa: una protesta simbolica ed eclatante. Con bandiere, striscioni e cartelli contro i distacchi gli attivisti si sono posizionati davanti ai cancelli

Stanno bloccando l'ingresso dei camion di rifiuti diretti all'inceneritore di Parma per protestare contro Iren, il proprietario dell'impianto di termovalorizzazione. Sono le famiglie che hanno subito i distacchi delle utenze di acqua, luce e gas e le attiviste e gli attivisti di Rete Diritti in Casa e Art Lab che da tempo hanno posto la loro attenzione -oltre che alla questione degli sfratti - anche a quella delle utenze. Sempre più famiglie, italiane e straniere, subiscono i distacchi delle utenze, come vi abbiamo raccontato con le storie di questi ultimi mesi. Una sessantina di persone a partire dalle 10.30 della mattina di sabato 28 marzo hanno bloccato l'ingresso dei camion in strada della Lupa: una protesta simbolica ed eclatante.

Con bandiere, striscioni e cartelli contro i distacchi gli attivisti si sono posizionati davanti ai cancelli, impedendo l'ingresso dei camion. Si è formata quindi una coda di cinque-sei camion che non sono potuti entrare all'interno dell'inceneritore. Tre le richieste dei manifestanti: l'attivazione del minimo garantito per gli utenti in difficoltà, l'equiparazione - nelle tariffe delle bollette- tra residenti e non residenti e la possibilità di pagare le utenze in base al reddito. Dopo circa 40 minuti sul posto sono arrivati gli uomini della Digos e un'auto dei Carabinieri: la situazione è tranquilla dal punto di vista dell'ordine pubblico. Gli attivisti chiedono un incontro con la dirigenza Iren. Sullo striscione principale c'è scritto: 'No Sblocca Italia, privatizzazioni e ecomostri', sul cartelli slogan a favore del minimo garantito per le utenze e contro i distacchi e contro Pd e Iren: 'Modello Iren Pd lede la dignità umana e inquina il pianeta'. 

AGGIORNAMENTI - Gli attivisti hanno incontrato, alle ore 12.15, un dirigente Iren di Reggio Emilia che ha promesso la riattivazione del Tavolo di trattativa già aperto in passato che ha presentato, nel corso del tempo, criticità e la riattivazione del numero di telefono che Iren metteva a disposizione a chi subiva i distacchi delle utenze. Il numero non era più attivo, secondo quanto riferito dagli attivisti Iren si sarebbe impeganta a riattivarlo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento