menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inceneritore, al via la petizione popolare per fermare la costruzione

L'iniziativa, promossa dall'Associazione Gestione Corretta Rifiuti, darà la possibilità ai parmigiani di firmare contro il progetto di Ugozzolo in diverse tabaccherie ed esercizi commerciali della città fino a marzo

fiaccolata-inceneritore_069Che la parola sia data ai cittadini. Che siano loro a scrivere il destino dell'inceneritore. Una petizione popolare per dare la possibilità a chi lo vuol fare di dire no alla gestione dei rifiuti tramite incenerimento, in modo da fare i conti della serva su cosa ne pensa l'opinione pubblica di questo progetto. Parte oggi e sarà attiva per tre mesi la raccolta di firme promossa dal GCR con la collaborazione dei tabaccai cittadini che vorranno ospitare i moduli da compilare e firmare. Sul sito dell'associazione www.gestionecorrettarifiuti.it sarà tenuta aggiornata una mappa della città dove verranno indicati tutti i punti aperti al pubblico per raccogliere le firme.

Negozi, associazioni, edicole, aziende, privati, parte la più fitta e certosina raccolta di firme che Parma ricordi, dalla quale ci si aspettano risultati clamorosi. Tutti gli interessati a raccogliere le firme possono scrivere a gestionecorrettarifiuti@gmail.com o telefonare al 331.116.8850.
L'associazione Gestione Corretta Rifiuti mette così in gioco la propria credibilità per capire quanto e in che misura il messaggio sia giunti ai parmigiani.

Da ormai quasi due anni l'associazione si è rimessa in moto con grande energia e dispendio di forze per recuperare il tempo perduto e la disinformazione totale su cosa significhi e comporti per un territorio l'accensione di un impianto di incenerimento. Mesi di lavoro per incontrare partiti, associazioni, scuole, organizzare serate, convegni, proiezioni, approfondimenti, realizzare comunicati stampa e appelli.

Ora è giunto il momento di passare la stilografica ai concittadini, affinché siano loro in prima persona a giudicare quanto il GCR si sia spiegato sul tema e quali risultati e traguardi abbia raggiunto. Vedremo alla fine di marzo quali saranno i numeri di questa ennesima iniziativa, per capire se davvero la città ha compreso fino in fondo la pericolosità di un forno che brucia per 330 giorni all'anno ventiquattr'ore al giorno rifiuti urbani ma anche rifiuti speciali, ospedalieri, forse tossico nocivi. Un forno che non ha avuto il parere dei cittadini,  una scelta che non ha preso in considerazione altre opportunità e possibilità di gestione dei rifiuti, meno impattanti, meno pesanti economicamente, che salvaguardassero l'ambiente e la salute dei cittadini. Noi l'alternativa l'abbiamo presentata ma il silenzio, anche su questo fronte, è compatto.
Lasciamo alla firma dei parmigiani il verdetto.

ELENCO DEI PUNTI RACCOLTA FIRME

(NORD)
Tabaccheria Bettati, via San Leonardo 129

(CENTRO)
Tabaccheria Pini, via Garibaldi 7
Tabaccheria Casoli, via Cavour 22
Tabaccheria Paini, via Bixio 73
Tabaccheria Brenta, piazza Garibaldi 19
Tabaccheria Alfieri, via Garibaldi 42
Tabaccheria Garulli, via XX Settembre 51
Ristorante Il Pianetino, via XX Settembre 51
Panetteria dei Borghi, via XX Settembre 63
Savoy Hotel, via XX Settembre 3

(OVEST)
Farmacia Annunziata, via Gramsci 1
Edicola Perioli, viale Piacenza 30
Fsi (Federazione Sindacati Ind.nti), via Gramsci 14

Associazione Gestione Corretta Rifiuti


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento