Inceneritore, Folli replica a Castellani: "Rivedere il Piano Rifiuti è una necessità"

L'assessore all'Ambiente del Comune di Parma risponde a Castellani: "Sempre disponibili a collaborare, anche se abbiamo posizioni diverse"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

“Ringraziamo l’assessore all’Ambiente Castellani  per la replica alle domande poste al Presidente Bernazzoli. Tuttavia ribadiamo che le assicurazioni che tutti i cittadini di Parma avevano avuto dal Presidente della Provincia erano quelle di avere costi di smaltimento più bassi rispetto agli attuali e non “Che l’impianto avrebbe ridotto la crescita esponenziale dei costi tariffari determinati anche dalle caratteristiche degli impianti e del sistema di gestione”.  Francamente continuare a sostenere che i 168 Euro di Parma contro i 97 di Torino siano un affare ci pare un esercizio acrobatico che lasciamo volentieri ad altri. Peraltro sullo stesso sito di Iren Ambiente sono consultabili i costi relativi a Reggio e Piacenza (https://www.irenambiente.it/attivita.php?id=19).

Sul tema sarebbe opportuno che si esprimesse a questo punto l’agenzia regionale per i rifiuti ex-Ato ora Atersir, cui spetta la verifica di congruità della tariffa dell'impianto previsto dal Piano Provinciale, in modo da stabilire definitivamente quali saranno i costi a carico dei cittadini della Provincia di Parma (è bene ricordare che anche gli altri comuni in provincia saranno vincolati a questa tariffa almeno fino a quando non scadrà il contratto con il gestore).

Riformuliamo nuovamente l’invito alla Provincia per la costituzione di un tavolo tecnico per collaborare alla revisione del PPGR, ritenendo questa un’operazione non di stampo talebano ma opportuna e necessaria  per concorrere a dotare il territorio di una politica di gestione rifiuti ambientalmente ed economicamente corretta.

Siamo sempre disponibili a collaborare in qualunque momento, anche dopo accesi dibattiti che ci vedono su posizioni distanti. Il ruolo istituzionale non ci impedisce però di chiedere chiarezza a chi ha speso parole importanti verso i cittadini su un tema così delicato e sentito dall’opinione pubblica”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento