Inceneritore, Folli a Millecolori: "Partire entro il 30 aprile? Cantiere in corso"

L'assessore risponde all'associazione Millecolori di cui fa parte l'avvocato Rutigliano "rappresentante legale della Provincia" che aveva chiesto di accendere l'impianto per non perdere incentivi statali

Ennesima puntata per l'inceneritore di Parma avversato dall'amministrazione a 5 Stelle del sindaco Federico Pizzarotti. "L'associazione Millecolori tra i cui componenti risulta l'avvocato Rutigliano - così l'assessore all'ambiente Gabriele Folli, precisando che è il 'rappresentante legale della Provincia', che invece l'inceneritore lo vuole - interviene oggi sul tema dell'avvio consigliando caldamente al Comune e al sindaco Pizzarotti di scendere a patti con Iren affinché il forno sia avviato prima del 30 aprile, data oltre la quale il gestore perderebbe incentivi statali", i cosiddetti 'certificati verdi' di cui godono anche gli inceneritori se producono energia. Sullo sfondo, annunci dei giorni scorsi per la partenza dell'impianto tra il 16 e il 23 aprile, ma secondo Folli l'inceneritore "non è pronto: vi è un cantiere ancora in corso" e sarebbe difficile sostenere in Tribunale che i ritardi siano imputabili a "interventi del Comune piuttosto che all'imperizia di chi aveva tempi certi da rispettare ed avrebbe dovuto condurre un cantiere in modo adeguato".

"Non stiamo parlando - sottolinea - dell'apertura di una friggitoria, ma di un impianto da 200 milioni che tratterà 130.000 tonnellate di rifiuti l'anno e che è classificato come industria insalubre di 'classe I' dalla legge italiana": non si può "chiudere un occhio su obblighi precisi presi dal gestore in sede di approvazione dell'impianto in cambio di una non belligeranza tutta da dimostrare". Una non belligeranza sulla richiesta di Iren di risarcimenti al Comune, ora per 28 milioni ma secondo l'associazione potrebbero aumentare se non si partisse entro il 30 aprile per colpa del Comune. Secondo Folli, "se vi sono stati dei ritardi non sono imputabili ad altri e se qualcuno ha colpe all'interno di Iren ne dovrà rispondere ai vertici dell'azienda e non usare un comodo scaricabarile su chi non vuole altro che il rispetto delle regole".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento