Inceneritore, da domani in funzione: i cittadini in presidio all'alba

I cittadini che si oppongono all'apertura dell''impianto saranno in presidio davanti ai cancelli dalle prime ore dell'alb: l'Assemblea Permanente contro l'Inceneritore infatti ha convocato l'appuntamento per un monitoraggio fotografico

Domani, lunedì 29 aprile 2013, l'inceneritore inizierà a bruciare i primi rifiuti per le prove di combustione. L'apertura ufficiale è prevista per il 18 maggio. I cittadini che si oppongono all'apertura dell''impianto saranno in presidio davanti ai cancelli dalle prime ore dell'alba. L'Assemblea Permanente contro l'Inceneritore infatti ha convocato l'appuntamento per un monitoraggio fotografico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'emergenza rifiuti -si legge in una nota dell'Assemblea Permanente- e la proliferazione di impianti mortiferi come inceneritori, gassificatori e discariche su tutto il territorio attestano l'insostenibilità di un modello di sviluppo che fa del saccheggio di diritti e risorse il suo paradigma costituente. Impianti che celano un vero e proprio attentato alla democrazia, escludendo di fatto le comunità locali dai processi decisionali che interessano i propri territori, e creando quelle lacerazioni nel tessuto socio-economico, sede di incubazione per speculazioni ambientali ed ecomafie.

In una regione come l'Emilia Romagna, che ad oggi risulta tra i territori più inquinati d'Europa, e in una città come Parma, la food valley “maglia nera” per inquinamento atmosferico, l'accensione dell'inceneritore è un fatto inaccettabile. Questo impianto, pianificato e fortemente voluto dagli ambienti politici e finanziari bipartisan (PD e PDL in primis), uniti in un connubio di interessi e poteri, è figlio di una partitocrazia malata e di un settore economico deviato, fatti di speculazioni a danno dei cittadini che ripagheranno il debito attraverso le tariffe dei servizi pubblici, mentre a pieni polmoni inaleranno la miscela di diossine, polveri sottili e metalli pesanti".

Un pungolo per la novella amministrazione a cinque stelle, che della promessa di chiusura dell'impianto ha fatto il grimaldello della sua campagna elettorale, salvo poi rimanere intrappolata nella selva di vincoli burocratico-ragionieristici e del pagamento di penali. Un'aberrazione ambientale, che fornisce linfa vitale agli interessi economici della multiutility Iren, sotto i riflettori anche per l'eventualità della cessione del servizio idrico dal Comune alla Società Mediterranea Acque (di fatto una privatizzazione, in completa controtendenza con l'esito del referendum 2011), e delle lobby politico-economiche collegate.L'accensione dell'inceneritore di Ugozzolo, oltre che un oltraggio al buonsenso, costituisce un'ingiustizia anacronistica persino rispetto alle direttive europee (Strategia Europa 2020), dirette ad intensificare le pratiche della raccolta differenziata e del riciclaggio e la chiusura di inceneritori e discariche in Europa entro il 2020".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Torna il volo Parma-Trapani

  • Il contagio si espande: 13 nuovi casi nelle scuole

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento