Inceneritore, Laguardia ricorre in Cassazione. Filone della corruzione

Bocciato il sequestro del cantiere dal Tribunale del Riesame il procuratore lunedì presenterà il ricorso in Cassazione. Si segue il filone della corruzione ma Moruzzi "è indagato solo per peculato"

Continua la querelle inceneritore. Dopo il no del Tribunale del Riesame al sequestro del cantiere dell'inceneritore il procuratore Laguardia prova l'ultima chance. Stamattina ha dichiarato che intende procedere al ricorso in Cassazione. Ciò non pregiudica il proseguimento dei lavori, ma come spiega il procuratore "comporterà l'allargamento delle indagini al filone della corruzione". "Attualmente - sottolinea Laguardia - Moruzzi non è indagato per corruzione, ma solo per peculato. Abbiamo però rilevato delle contraddittorietà in merito al permesso per costruire il termovalorizzatore. Oltre a questa motivazione c'è il fatto che non sia stata considerata la pericolosità dell'impianto". Intanto, ormai a giochi fatti con il cantiere che verrà probabilmente avviato il mese prossimo, rimane confermata la fiaccolata contro l'inceneritore indetta per la giornata di domani, 15 dicembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dichiarazione dei redditi: dal 1° gennaio 2020 le spese da detrarre non possono essere pagate in contanti

  • Calendario di Miss Nonna 2020: per il mese di agosto c'è una nonna parmigiana

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • Tragedia in stazione: uomo travolto ed ucciso da un treno

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

  • Pizzarotti a Salvini: "Ecco il delirio di un uomo, tu non mandi a casa proprio nessuno"

Torna su
ParmaToday è in caricamento