Rifiuti speciali da fuori provincia nell'inceneritore: la Provincia diffida Iren

In piena applicazione delle norme previste dalla vigente autorizzazione la Provincia di Parma con lettera in data odierna ha diffidato Iren dal proseguire la gestione dell'impianto in modo difforme da quanto autorizzato

Arpa ha comunicato formalmente al Servizio Ambiente della Provincia di Parma che, a seguito dei controlli effettuati sui rifiuti conferiti al Paip - Polo ambientale integrato provinciale - si è riscontrato la provenienza da impianti e cantieri ubicati al di fuori del territorio provinciale di rifiuti speciali non pericolosi destinati allo smaltimento nel termovalorizzatore di Parma. Di conseguenza, in piena applicazione delle norme previste dalla vigente autorizzazione che non consente il conferimento di rifiuti provenienti da ambiti extraprovinciali, la Provincia di Parma con lettera in data odierna ha diffidato Iren dal proseguire la gestione dell'impianto in modo difforme da quanto autorizzato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL COMUNE. "In ordine al provvedimento di diffida della Provincia di Parma ad Iren su segnalazione di Arpa, e dovuta ad uno smaltimento rifiuti speciali arrivati da fuori provincia, il Comune di Parma chiede chiarimenti. L’autorizzazione e le prescrizioni dell’impianto, infatti, permettono il conferimento solo dei rifiuti provenienti dal territorio provinciale di Parma, pertanto in questo caso chiarezza e trasparenza sono d’obbligo. “Il Sindaco ha inviato lettera formale all’Amministratore Delegato di Iren Ambiente ed ai vertici di Iren – ha spiegato l’assessore Folli – La società non può permettersi questi passi falsi e le eventuali responsabilità che dovessero emergere devono portare necessariamente a provvedimenti disciplinari affinché questo non accada più in futuro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento