menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giudice in tribunale

Giudice in tribunale

Inceneritore: il Tar respinge il ricorso di Iren contro lo stop ai lavori

Nel decreto il consigliere delegato Italo Caso, ha considerato che "in vista della trattazione collegiale dell'istanza cautelare fissata per il 14 settembre 2011, appare necessario conservare immutato lo stato dei luoghi"

Il Tar ha rigettato il ricorso cautelare urgente di Iren per l’annullamento dell’atto con cui il Comune di Parma ha ordinato la sospensione dei lavori per la realizzazione del termovalorizzatore in costruzione a Ugozzolo. Nel decreto, datato 22 luglio 2011, il consigliere delegato Italo Caso, ha considerato che “in vista della trattazione collegiale dell’istanza cautelare fissata per il 14 settembre 2011, appare necessario conservare immutato lo stato dei luoghi”.

Il Comune di Parma si sta avvalendo di due consulenti: il professor Mario Chiti, a cui è stata affidata la parte amministrativa, e l’avvocato Andrea Mora, per la parte civilistica e l’esame della corrispondenza tra il Comune e Iren. Il primo ha elaborato una prima memoria, depositata al Tar, che da lunedì sarà a disposizione di chiunque vorrà prenderne visione.

IL COMMENTO DELL'ASSOCIAZIONE GESTIONE CORRETTA RIFIUTI
"Iren aveva addirittura invocato l'interesse pubblico alla salute come motivo di prosieguo dei lavori! Ma a nulla è servito.
Ora si apre una stagione estiva importante per poter a bocce ferme riflettere sulla gestione dei rifiuti e sulle possibili alternative.
Dall'Olanda infatti è giunta una proposta importante da un colosso dei rifiuti come la van Gansewinkel, che propone a Parma di cambiare rotta e dedicarsi al recupero dei materiali invece che al loro incenerimento. Vedremo se gli attori sapranno cogliere questa opportunità.

Si apre anche la stagione della Procura, visto che tanto materiale è stato depositato presso gli uffici di vicolo San Marcellino e non dubitiamo che aperte indagini approfondite, come di dice a Parma, ne verrà fuori una gamba.
I presupposti ci sono tutti, i rumors si ripetono in ogni ambito.
Il livello di tensione che si respira in queste ore in piazzale della Pace e nella sede di Iren è altissimo.
In gioco il futuro della multiutility e il futuro del governo della Provincia di Parma".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: stop ai diesel Euro 4 fino a venerdì 5 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento