menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inceneritore, Tar respinge la sospensiva: Iren deve al Comune 2 milioni di euro

Il Tar di Parma si è espresso sulla vicenda relativa agli oneri di urbanizzazione per il Paip e non ha accolto l'istanza di sospensiva con la quale Iren chiedeva di non versare al Comune di Parma il contributo di costruzione dovuto per legge

Il Tar di Parma si è espresso sulla vicenda relativa agli oneri di urbanizzazione per il Paip (forno inceneritore)  e non ha accolto l’istanza di sospensiva con la quale Iren chiedeva di non versare al Comune di Parma il contributo di costruzione dovuto per legge a seguito della realizzazione dell’inceneritore di Ugozzolo. Il Tar ha altresì riconosciuto il fatto che le opere complementari (come ad esempio i parcheggi) non costituiscono standard dovuti ai sensi del regolamento edilizio, e quindi, da parte di Iren, deve essere corrisposto al Comune di Parma l’intero contributo di costruzione, nonché la monetizzazione dei parcheggi pubblici non ceduti, per un importo che oltrepassa i 2 milioni di euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento