Inceneritori di ultima generazione: "Non sono pericolosi per la salute"

Lo hanno affermato gli esperti della Società di Igiene. Signorelli, professore all'Università di Parma: "Una gestione razionale del ciclo dei rifiuti non può prescindere da ben monitorati termovalorizzatori"

L'inceneritore in costruzione a Ugozzolo

Gli inceneritori, se di ultima generazione e ben controllati, non sembrano essere pericolosi per la salute, e di sicuro sono indispensabili nella gestione dei rifiuti. Lo hanno affermato gli esperti della Società di Igiene e Medicina Preventiva (Siti) durante una sessione del congresso di Sanità Pubblica in corso a Roma. "Non ci sono risultati definitivi sugli effetti sanitari degli inceneritori - afferma Carlo Signorelli, professore di Igiene all'Università di Parma - ma una gestione razionale del ciclo dei rifiuti non può prescindere da ben monitorati termovalorizzatori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo le cifre presentate, i termovalorizzatori di ultima generazione hanno emissioni al di sotto dei livelli di legge, e inferiori a quelle di altri impianti industriali: per le polveri sottili, ad esempio, rappresentano l'1% di quelle che si trovano nell'aria vicino agli stabilimenti: "Gli effetti dello studio Moniter sulla sorveglianza sanitaria nei pressi degli inceneritori dell'Emilia Romagna sono abbastanza tranquillizzanti - ha spiegato Pierluigi Mancini, responsabile della prevenzione della Regione - anche se alcuni effetti sui neonati sono da approfondire".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento