menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Schianto di Fidenza, l'ultimo sms di Masetti agli amici: "Vado a raggiungere mamma e papà"

Si fa sempre più concreta l'ipotesi del suicidio: il 38enne bolognese, deceduto nello scontro e indagato per la morte del padre, aveva lasciato le sue disposizioni testamentarie all'avvocato

Pochi giorni prima del terribile incidente stradale che si è verificato due giorni fa in via Emilia, all'altezza di Parola di Fidenza, Francesco Masetti, il 38enne bolognese deceduto nello schianto, aveva inviato un plico al suo avvocato Alessandro Veronesi, contenente le sue disposizione testamentarie. Secondo i documenti il 38enne aveva deciso di lasciare tutto all'ex fidanzata e a due amici.

E' questo uno degli elementi che farebbero pensare alla volontà suicida dell'uomo, un'ipotesi che si fa sempre più concreta con il passare delle ore. Masetti, accusato della morte del padre per avvelenamento, si è sempre professato innocente e prima dell'incidente aveva inviato messaggi inequivocabili agli amici: "Vado a raggiungere mamma e papà".

La tragica ipotesi è quindi che il 38enne abbia deciso di togliersi la vita andando a schiantarsi contro un camion: alla guida del mezzo pesante c'era un camionista 59enne bergamasco, che si trova ancora ricoverato in Rianimazione al Maggiore in condizioni molto gravi. Gli inquirenti, la polizia Stradale di Parma e i carabinieri di Bologna, stanno approfondendo questo scenario, alla ricerca di altri elementi utili per confermare l'ipotesi del suicidio che, al momento, sembra essere la più probabile. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma potrebbe passare in zona gialla dal 26 aprile

  • Cronaca

    Bonaccini: "La scelta di riaprire è ponderata e non è un libera tutti"

  • Cronaca

    Ecco il 'pass' per gli spostamenti tra Regioni arancioni e rosse

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento