Incidenti stradali

Schianto frontale in via Emilia, la pista degli investigatori: "Si è gettato volontariamente contro il camion?"

E' una delle ipotesi alla quale stanno lavorando gli inquirenti. La vittima dell'incidente Francesco Masetti, 38enne bolognese che guidava la Dacia Duster, era indagato per la morte del padre per avvelenamento ma si era sempre professato innocente

Dopo il tragico schianto di ieri pomeriggio tra una Dacia Duster e un camion in via Emilia, all'altezza di Parola, che ha provocato la morte del 38enne bolognese Francesco Masetti e il ferimento del camionista 59enne, che si trova in condizioni critiche nel reparto di Rianimazione del Maggiore, una delle ipotesi investigative, al vaglio degli inquirenti e che deve ancora essere accertata, è che dietro l'incidente ci possa essere stata la volontà suicida del conducente dell'auto, indagato da pochi giorni a Bologna per la morte del padre 70enne, avvenuta per avvelenamento. Una delle piste che verranno approfondite infatti è che il conducente della Duster si sia lanciato volontariamente contro il mezzo pesante.

L'ipotesi accusatoria, ancora tutta da verificare, è che dietro la morte del genitore ci sia stata una somministrazione di farmaci in dosi eccessive da parte del figlio. Francesco Masetti, che ieri ha perso la vita nell'incidente, si era sempre dichiarato innocente e nella mattinata di ieri, aveva ribadito l'innocenza al suo avvocato, manifestando anche la sua disperazione per le indagini contro di lui. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schianto frontale in via Emilia, la pista degli investigatori: "Si è gettato volontariamente contro il camion?"

ParmaToday è in caricamento