Domenica, 19 Settembre 2021
Incidenti stradali Fidenza

Parola, pauroso schianto contro un cancello: muoiono due 20enni, altri due gravissimi

L'incidente è avvenuto stamattina in via Emilia: Omar Beji e Bilal Ourimchi sono deceduti sul colpo, gli altri due amici sono in ospedale

L'auto sventrata dopo lo schianto (fotoservizio di Leonardo Trespidi)

È di due morti e due feriti molto gravi il bilancio del terribile incidente stradale che si è verificato alle 6 della mattinata di oggi, lunedì 16 agosto a Parola di Fidenza, lungo la via Emilia. Un'auto, con a bordo quattro giovani di circa vent'anni si è schiantata violentemente - per cause in corso di accertamento - contro la colonna di un cancello di una villa, all'altezza dell'autovelox. La scena che si è presentata ai soccorritori è stata drammatica: l'auto è stata letteralmente sventrata dall'impatto con la colonna.

I due ragazzi morti, residenti a Fidenza, si chiamavano Omar Beji e Bilal Ourimchi, entrambi di vent'anni.  

I due ragazzi feriti - Walid e Mbacke - si trovano entrambi all'Ospedale Maggiore: Walid è ricoverato Pronto Soccorso in prognosi riservata, Mbacke - sempre di 20 anni - è in Rianimazione, in condizioni critiche. 

Sul posto l'ambulanza infermieristica di Fidenza, l'automedica di Parma e di Fidenza, la Croce Rossa di Pontetaro e la Croce Rossa di Fidenza. Due ragazzi sono morti in seguito alle gravissime ferite riportate, il terzo è ricoverato nel reparto di Rianimazione del Maggiore, il quarto è in gravi condizioni al Pronto Soccorso del Maggiore. I quattro giovani sono tutti residenti a Fidenza. Non è ancora stata resa nota l'identità delle due vittime. Sul posto anche Vigili del Fuoco, carabinieri e polizia Stradale. Le forze dell'ordine stanno cercando di ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente per stabilire le cause dello schianto contro la colonna, che si trova poco prima dell'autovelox. 

IN AGGIORNAMENTO 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parola, pauroso schianto contro un cancello: muoiono due 20enni, altri due gravissimi

ParmaToday è in caricamento