Tragico incidente a Ponte Ghiara: 71enne muore investito da un'auto

Tragico incidente nella notte tra venerdì e sabato sulla strada tra Salsomaggiore Terme e Fidenza. Un uomo di 71 anni, Alessandro Capuccini, è stato investito da un'auto ed è morto: era un tecnico del suono e stava svolgendo servizio

Immagine di repertorio

Era a Ponte Ghiara con i suoi figli per il Festival Beat, ci andava ogni anno e non solo per piacere ma anche per lavoro. Così Alessandro Capuccini, 71enne tecnico del suono, nella notte tra venerdì e sabato mentre stava facendo rilevazioni di impatto acustico sulla strada alle spalle del palco è stavo investito da una Audi A4. Dalle prime analisi sembrerebbe che Capuccini, sul ciglio della strada per effettuare le analisi acustiche, sia stato improvvisamente investito dall'auto del Salese il quale non avrebbe neanche avuto il tempo di frenare. Di qui l'impatto violento che non ha lasciato scampo. A nulla infatti sono valsi i tentativi di rianimazione sul posto che sono andati avanti per circa un'ora.

Sembrerebbe che ad investire Capuccini sia stato un tecnico dell'ospedale di Parma e che sia stato lui a prestare i primi soccorsi allertando subito il 118. Le due ambulanze giunte sul posto, però, non hanno potuto fare altro che portare via il corpo che è stato trasportato all'ospedale di Vaio dove è stato dichiarato il decesso e ora si attende l'esame autoptico.

Venerdì notte insieme all'uomo c'erano anche i suoi figli, Massimo e Marta, che in un primo momento non si erano resi conto di quanto accaduto, solo più tardi non vedendo il padre e notando le ambulanze ferme sul ciglio della strada si sono preoccupati sapendo che Alessandro avrebbe dovuto fare anche delle rilevazioni su strada. Seguendo le indicazioni degli uomini del 118 il sospetto si è presto trasformato in certezza. Giunti in ospedale i figli non hanno potuto fare altro che riconoscere il corpo.

Alessandro Capuccini era residente a Collecchio ma perugino di nascita. Era stato uno dei protagonisti della lunga stagione musicale parmigiana, dapprima come tecnico della Davoli e in seguito come socio della Cabotron. Con i suoi impianti avevano suonato tutti i maggiori gruppi italiani degli anni '60, '70 e '80 e sempre per Davoli aveva seguito le tournèe italiane di Rolling Stones e i concerti palermitani dei Black Sabbath. Dagli anni '90 in avanti Capuccini aveva cambiato mestiere dando vita alla Proxima e specializzandosi nel settore delle insonorizzazioni acustiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

  • Influenza: a Parma il primo caso in un bimbo di 9 mesi

  • Coronavirus: a Parma 15 nuovi casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento