È morto il ciclista 88enne investito da un tir in viale Europa: ipotesi omicidio stradale

Olimpio Chiari è deceduto nel reparto di Rianimazione del Maggiore alle 4.30: secondo le prime ricostruzioni stava attraversando sulle strisce con la bici a mano

La bici ed il tir coinvolti nell'incidente mortale di viale Europa

Il ciclista 88enne Olimpio Chiari, investito poco dopo le ore 12 di lunedì 23 luglio in viale Europa, proprio di fronte all'albergo Hotel Villa Ducale, è deceduto nel reparto di Rianimazione del Maggiore alle 4.30 di notte. L'uomo, investito da un tir adibito al trasporto di auto che, in quel momento, era vuoto, è caduto sull'asfalto e le due condizioni sono apparse da subito molto gravi. I soccorritori del 118 l'hanno trasportato d'urgenza all'Ospedale Maggiore, dove è stato subito ricoverato nel reparto di Rianimazione in condizioni critiche. Ora l'autista del tir rischia l'imputazione per omicidio stradale, reato introdotto dalla legge 41 del 23 marzo 2016, che prevede la reclusione da due e fino a 18 anni, in presenza di aggravanti. Secondo la ricostruzione della Polizia Municipale, che ha effettuato i rilievi, l'88enne stava attraversando la strada sulle strisce pedonali, con la bici a mano: ad un certo punto sarebbe stato agganciato dal tir, un Iveco coperto, che lo avrebbe trascinato per qualche metro.  

Ciclista investito in viale Europa: il video

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto a Varano dè Melegari, esce di strada con l'auto: muore 33enne

  • Venditti: "Ci hanno tolto la luce, abbiamo interrotto il concerto: imbarazzante"

  • Artigiano 35enne di Busseto stroncato da un malore in vacanza

  • "Quel medico ha cercato di infilarmi le mani sotto gli slip: ho rischiato di ferirmi con l'ago"

  • Sorbolo, pauroso frontale tra due auto in via Mantova: tre feriti gravi

  • Donna di 42 anni investita da un'auto in viale Mentana: gravissima al Maggiore

Torna su
ParmaToday è in caricamento