Giovane investito da un 'pirata' in viale Piacenza: grave al Maggiore

Ieri sera un altro investimento, dopo quello del 38enne in via Emilio Lepido. L'auto si è allontanata senza prestare soccorso. Ora la Polizia Municipale cerca testimoni

Ancora un investimento, ancora un auto pirata che non si è fermata a soccorrere il ferito. Che ora si trova ricoverato in condizioni molto serie all'Ospedale Maggiore di Parma. Dopo il 38enne investito in via Emilie Lepido ieri sera in viale Piacenza si è consumato un nuovo dramma della strada. Non sono ancora certe le dinamiche dell'incidente che ha coinvolto una ragazzo che stava attraversando la strada nei pressi della rotonda. Probabilmente un auto in corsa l'ha travolto. Ora si cercano tutti gli elementi utili per capire come si sono svolti i fatti. I Vigli Urbani sono al lavoro per rintracciare il pirata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento