menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incidenti, nel 2014 sulle strade del Parmense 28 morti, 9 in meno del 2013

Buone notizie sul fronte incidenti sulle strade del Parmense: secondo i dati resi noti stamattina dall’Ufficio Statistica della Provincia, nel 2014 vi è stata una diminuzione del numero di deceduti per incidenti stradali, che sono scesi a 28, cioè 9 in meno dell’anno precedente

Buone notizie sul fronte incidenti sulle strade del Parmense: secondo i dati resi noti stamattina dall’Ufficio Statistica della Provincia, nel 2014 vi è stata una diminuzione del numero di deceduti per incidenti stradali, che sono scesi a 28, cioè 9 in meno dell’anno precedente, il minimo storico dal 1995.

“Il lavoro di prevenzione degli anni scorsi è stato fondamentale, ma non possiamo fermarci qui  – ha affermato il Delegato alla Viabilità della Provincia Gianpaolo Serpagli – La raccolta e l’elaborazione dei dati ci aiuta a capire come ridurre gli incidenti sugli oltre 1400 km di strade provinciali. I buoni risultati di quest’anno sono dovuti alla manutenzione che ancora stiamo garantendo, anche se con le note difficoltà economiche, e al lavoro delle Forze dell’Ordine.”

Anche l’aggiornamento del parco auto, con gli incentivi alla rottamazione, ha avuto un effetto positivo secondo il Prefetto di Parma Giuseppe Forlani, che ha annunciato un maggiore impegno sulla comunicazione del numero e delle conseguenze dei controlli. “Poiché la maggior parte degli incidenti riguarda la fascia d’età superiore ai 40 anni, dobbiamo puntare l’educazione maggiormente in quella direzione – ha spiegato Forlani – rendendo note ad esempio quante sono le sanzioni per guida in stato di ebbrezza o uso di stupefacenti e quante le sospensioni di patente. I giovani appaiono allineati sui comportamenti dei loro coetanei europei: sempre più spesso chi guida non beve. Ma bisogna far sapere a tutti, ad esempio, che i picchi di incidenti corrispondono ai picchi di stanchezza, tra le 3 e le 5 del mattino e le 16- 17 del pomeriggio.”

All’incontro in Piazza della Pace hanno partecipato anche i rappresentanti del Comando provinciale dei Carabinieri, Polizia stradale, Polizia provinciale, Polizie municipali dei Comuni del territorio.
I dati dei sinistri avvenuti sulle strade del nostro territorio vengono rilevati da tutte le Forze dell’Ordine e sono raccolti dalla Provincia per conto dell’ISTAT e della Regione Emilia-Romagna. Questi dati, rilevati secondo i parametri internazionali, vanno ad alimentare la banca dati Eurostat, e diventano poi  quelli ufficiali sull’incidentalità, permettendo un confronto omogeneo tra i vari Paesi.

Ed ecco i dati. Rispetto al 1995 (primo anno rilevato), le vittime sulle strade parmensi sono 75 in meno (erano 103 nel 1995), e nel periodo 2005-2014 il numero di coloro che hanno perso la vita per incidenti stradali si è esattamente dimezzato.
Significativa la diminuzione di morti fra i ciclisti, scesi a 3 dai 5 del 2013, resta però alto il livello dei feriti (263 contro i 275 del 2013). 
Da sottolineare anche il minimo storico di decessi fra i motociclisti. I 3 rilevati nel 2014 costituiscono un dato estremamente incoraggiante specialmente se raffrontati ai 15 del 2008. Dati fortemente in aumento, invece, per i pedoni, poiché le vittime nel 2014 sono state 6 contro le 2 del 2013.

Nel 2014 gli incidenti stradali sulle strade del nostro territorio aumentano leggermente: 20 unità (+1,3%) rispetto al 2013, toccando così quota 1.495 (che è comunque il secondo miglior dato dal 1995).

Sulle strade provinciali (cioè di proprietà della Provincia di Parma), si rileva una diminuzione di 4 vittime rispetto all’anno precedente, che raggiungono il minimo storico di 9. Il numero di incidenti su strade provinciali è sostanzialmente stabile rispetto all’anno scorso  (343 contro i 339 del 2013).

Nel 2014 sì è verificato anche un significativo calo del costo sociale, un parametro recentemente calcolato dal MIT, che quantifica tutte le conseguenze negative prodotte dai sinistri con morti e feriti. 
Il costo sociale registra nel 2014 il minimo storico mai rilevato, con una diminuzione del -38,2% rispetto al 2005 sulle strade provinciali e del -32,6%  su tutte le strade parmensi. 
Rispetto al 2013 la collettività ha “risparmiato” circa 3,9 milioni di euro per le sole strade provinciali e oltre 10,7 per il complesso delle strade del territorio.

Da quest’anno tutti i soggetti attivi sulla sicurezza stradale possono utilizzare un sistema di cartografie informatizzate (Moka), che permette di identificare i tratti più a rischio della viabilità, per programmare gli interventi nel modo più efficiente possibile.
Se  i Comuni avessero bisogno di ulteriori personalizzazioni sulle elaborazioni statistiche messe a disposizione sul sito, l’ufficio Statistica della Provincia è disponibile ad effettuarle.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento