Morte del piccolo Aurelio: "Il quartiere è dilaniato dal dolore e si stringe intorno ai genitori"

I vicini della famiglia del bimbo di 3 anni morto durante il terribile incidente stradale di ieri mattina, che viveva in via Pilo a Fidenza: "Il padre era all'estero per lavoro: non riesco ad immaginare il dolore per una notizia del genere"

Aveva iniziato a frequentare la scuola materna don Segalini di Castione Marchesi da poco giorni il bimbo di tre anni, Aurelio, che è morto nella mattinata di ieri, lunedì 21 ottobre, nel corso di un terribile incidente stradale, che si è verificato lungo la provinciale che collega Fidenza e Castione Marchesi. Il piccolo Aurelio, deceduto dopo una corsa disperata all'Ospedale Di Vaio di Fidenza, si trovava a bordo della Citròen guidata dalla madre, una 22enne di origine moldava: il bimbo era nel seggiolino sul sedile posteriore. Per cause in corso di accertamento la donna ha perso il controllo dell'auto, che è uscita di strada e si è ribaltata.

La famiglia viveva in via Pilo a Fidenza, nel quartiere Corea. I vicini ricordano la madre con il bimbo: "Il padre in questi giorni è all'estero per lavoro. Non ci posso credere: una tragedia così grande non è nemmeno pensabile: il dolore di una madre per un figlio di tre anni morto deve essere qualcosa di terribile".

"La vedevamo spesso con il bambino sì: non ha idea di quanto mi dispiaccia. Una tragedia del genere colpisce tutta la comunità di Fidenza: siamo vicini ai genitori - il padre è all'estero per lavoro in questi giorni. Non riesco ad immaginaermi nemmeno il dolore a ricevere una notizia del genere". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIRUS CINESE | CASO SOSPETTO A PARMA: donna al Maggiore

  • Collecchio: è morto il bimbo di 5 anni precipitato dalla finestra

  • Pauroso schianto tra auto e camion nella notte a Botteghino: un morto

  • Regionali, a Parma vince la Borgonzoni: Lega primo partito al 36,50%

  • Scontro frontale a Botteghino: muore un 33enne di Pilastrello

  • Oliviero Toscani e Fabrica cercano fotografi per Parma2020

Torna su
ParmaToday è in caricamento