Infiltrazioni mafiose, firmato un protocollo tra Prefettura e Provincia

Al termine dell'incontro del Comitato provinciale per la sicurezza e l'ordine pubblico il patto siglato da Vincenzo Bernazzoli e dal Prefetto Luigi Viana: nuovi strumenti contro la criminalità organizzata

Sperimentare progetti e azioni per prevenire possibili infiltrazioni mafiose nei circuiti legali del sistema socio-economico parmense, in particolare nell’ambito del settore immobiliare. E’ questo l’obiettivo del protocollo che Prefettura e Provincia di Parma hanno siglato questa mattina a palazzo Rangoni al termine dell’incontro del Comitato provinciale per la sicurezza e l’ordine pubblico che si è occupato in particolare della questione dei furti.  Questo protocollo, inserito fra le iniziative già prodotte in questo ambito, consentirà di implementare nuove strategie di contrasto agli interessi criminali e alle infiltrazioni di stampo mafioso nel territorio, attraverso strumenti finalizzati al puntuale monitoraggio dei circuiti di alcuni mercati di contrattazione di beni e servizi.

“Abbiamo detto più volte che se da un lato non abbiamo fino ad ora da registrare fenomeni eclatanti di infiltrazione, è altrettanto vero che siamo di fronte a zone a economia avanzata e alto benessere, fattori che in quanto tali rendono il territorio come appetibile per le associazioni criminali attraverso i canali legali in cui l’economia vive e si sviluppa” - ha spiegato il Prefetto di Parma Luigi Viana – Con il protocollo attiviamo una forte progettualità e sperimentiamo strumenti specifici sui quali intendiamo mantenere una certa riservatezza”.

“Noi abbiamo la necessità di tenere sempre alta la guardia per contrastare le infiltrazioni sul nostro territorio, lo abbiamo fatto in passato sui cantieri edili e anche sugli appalti controllati grazie all’iniziativa di Avviso pubblico promossa insieme a Libera. Penso al mercato immobiliare che in un momento di crisi come questo può essere appetibile per chi ha soldi da riciclare o investire, ma anche la contrattazione di servizi. – ha detto il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli - Questo protocollo approvato dal Ministero degli interni serve per contrastare le infiltrazioni ma anche per alzare la cultura della legalità”.

Fra gli impegni della Provincia c’è la costruzione di un sistema di rilevazione informatico in grado di far emergere eventuali relazioni anomale nell’ambito delle compravendite immobiliari,  acquisizione, gestione e restituzione dei dati. L’intesa prevede anche la promozione presso i Comuni, in particolare di piccole dimensioni, di forme associate dei servizi di competenza, supportandoli nella costruzione della rete e dei relativi progetti. Sul tema della legalità e della lotta alle mafie, la Provincia di Parma, che dal 2010 aderisce ad “Avviso Pubblico”, la rete di Regioni ed Enti Locali per lo sviluppo di una formazione civile contro le mafie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Torna il volo Parma-Trapani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento