Solidarietà, Verdi Promesse: il 10% degli incassi ai terremotati

Il Gruppo di Collecchio ha deciso di devolvere una parte degli incassi dei 5 punti vendita in giugno per un progetto benefico in favore delle popolazioni colpite dal sisma

Terremoto in Emilia

All'indomani di una nuova scossa di terremoto che continua a affliggere il modenese e l'intera regione, si rinnova la necessità di moltiplicare le iniziative in sostegno delle popolazioni colpite. Nella gara di solidarietà attivata nel parmense si inserisce l'iniziativa del gruppo Verdi Promesse di Collecchio, con la scelta di destinare il 10% degli incassi dei 5 punti vendita del mese di giugno in favore dei terremotati. La scelta dei titolari Giancarlo Mandelli e Romana Bertoli, appoggiata con determinazione anche dai collaboratori, è nata per fornire un aiuto concreto che non si limiti a un semplice versamento.

"Abbiamo intenzione di individuare un progetto, un ente o associazione a cui destinare la cifra – afferma Giancarlo Mandelli –. Seguirò personalmente l'evolversi dell'iniziativa, nel corso della settimana l'intento è quello di visualizzare con precisione un progetto, anche contattando eventualmente i sindaci dei luoghi più colpiti, e decidere in che modo fornire loro un aiuto. Tra le idee quella della realizzazione di un asilo antisismico, perchè i tanti giovani che si impegneranno per la ricostruzione hanno bisogno di un po' di tranquillità per i loro figli".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei prossimi giorni la decisione in merito alla tipologia di progetto da portare avanti e il centro in cui realizzarlo, scelto tra i luoghi maggiormente colpiti ma dei quali si parla meno, come i comuni minori. Intento accolto con entusiasmo dai clienti e che innescherà probabilmente l'ideazione di iniziative simili in una gara di solidarietà quanto mai necessaria, ognuno con i propri mezzi, dall'imprenditoria alla ristorazione. "Chiediamo ai clienti di lasciare nome, cognome e firma, ne sono entusiasti perchè si sentono anche loro parte attiva del progetto. L'intenzione è quella di seguire personalmente lo sviluppo ottimizzando al meglio le risorse. La nostra forza è data anche dal supporto morale della gente che apprezza la nostra iniziativa. Una delle nostre clienti, di Carpi, si è commossa raccontando come la popolazione sia ormai allo stremo, in ginocchio. E' necessario fare qualcosa e farlo al più presto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento