Dipendenti Inps: "Tagliare le spese accessorie invece dei nostri stipendi"

Un presidio di protesta davanti alla Prefettura contro i tagli annunciati agli stipendi dei dipendenti. Casetti, Cisl: "Scelta scellerata, per recuperare risorse si potrebbe invece tagliare spese velleitarie come le consulenze esterne"

Presidio di protesta dei dipendenti dell'Inps

"Ho sessant'anni, 35 anni di lavoro, 700 euro di affitto da pagare al mese non ho la macchina, non ho una casa mia, ho solo questa bicicletta. Ora mi vedo tagliare lo stipendio, perderò 300-400 euro al mese, se non dovessi farcela devo cercarmi un'altra casa da condividere con sconosciuti alla mia età, perchè? Ci sono colleghi separati, che non ce la fanno a stare dietro alle spese e che vanno a mangiare alla mensa della caritas. La gente allo sportello se la prende con noi se non arrivano i sussidi, vorrei dire loro che noi siamo come loro, chiediamo un po' di solidarietà. Noi siamo a nostra volta utenti, lavoratori, non ci devono vedere come la controparte, siamo tutti sulla stessa barca ". Luisa Bini, una dipendente della sede di Parma è tra le prime ad arrivare al presidio di protesta davanti alla sede della Prefettura dell'Inps organizzata a livello nazionale da Funzione Pubblica Cgil, Cisl FP Inps, Uilpa e Fialp Cisal contro la riduzione del personale e il taglio delle retribuzioni.

UNA LAVORATRICE: 'ALCUNI COSTRETTI A MANGIARE ALLA CARITAS' 

Secondo quanto sottolineato da Matteo Casetti, Cisl Funzione Pubblica Parma, si tratta di una decurtazione del salario accessorio di 300-400 euro mensili per i lavoratori. "Crediamo che sia una scelta scellerata visto che si va a intaccare la professionalità e la sicurezza sociale – sottolinea Casetti -. L'Inps è uno dei pilastri fondamentali del welfare sociale, dall'Inps passano 350 prestazioni sociali che vengono erogate ai cittadini, non possiamo permetterci che la contrazione dei servizi porti a uno smantellamento del servizio legato al cittadino. I lavoratori continuano nonostante le difficoltà del sistema a garantire tutti i servizi pubblici in maniera efficace. Chiediamo una salvaguardia salariale per tutti i dipendenti dell'Inps soprattutto per la loro centralità all'interno del contesto sociale".

Ripercussioni non solo sugli stipendi dei lavoratori, come sottolineato da Donato Colelli, Funzione Pubblica Cgil, ma anche sui progetti speciali, con problemi oggettivi per i servizi da erogare ai cittadini. "Per noi è fondamentale offrire un servizio di qualità in una situazione drammatica come quella attuale in cui la disoccupazione aumenta, gli ammortizzatori sociali sono sempre più richiesti, dove le pensioni sono una delle poche fonti di reddito delle famiglie, noi vogliamo dare maggiore qualità, non vogliamo che ancora una volta sia il lavoratore a essere penalizzato".

Tra le possibilità alternative per reperire le risorse necessarie quella di tagliare ad esempio le spese accessorie: "Non possiamo accettare che l'amministrazione dell'Inps permetta questa amputazione salariale anche perchè per razionalizzare e recuperare le risorse necessarie si può intervenire in maniera diversa, per esempio andando a fare una buona gestione patrimoniale e tagliando spese accessorie che sono assolutamente velleitarie, come ad esempio le consulenze esterne", sotttolinea Casetti. "Se bisogna ancora una volta ridurre le spese – aggiunge Donato Colelli - ci sono anche altri capitoli da cui attingere, consulenze o appalti all'interno dell'Inps, li c'è una sacca da cui attingere per risparmiare e trovare i fondi necessari come da dettato legislativo". Per le 11,15 è previsto un incontro con il Prefetto e al termine dell'assemblea è previsto un incontro con il direttore dell'Inps, per esprimere le preoccupazioni dei lavoratori. Nel corso del presidio sarà rispettato un minuto di silenzio per ricordare le vittime del naufragio di Lampedusa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento