menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inquinamento, accordo Regioni del bacino Padano. Folli: "Ora deve trovare concretezza"

A Milano i Ministri Orlando, Zanonato, Lupi, De Girolamo e Lorenzin firmano insieme alle Regioni del bacino padano un accordo per la qualità dell'aria. Folli: "Stiamo parlando di un'area dove si trovano oltre 20 milioni di persone, che vivono spesso in condizioni emergenza smog"

E’ di oggi la notizia che a Milano i Ministri Orlando, Zanonato, Lupi, De Girolamo e Lorenzin firmano insieme alle Regioni del bacino padano un accordo per la qualità dell'aria, che interessa molto da vicino Parma e l’intera Regione Emilia Romagna. Ecco il commento in proposito del sindaco Federico Pizzarotti e dell’assessore all’ambiente Gabriele Folli: “E' importante il riconoscimento del bacino padano come area di forte criticità ambientale per la qualità dell'aria. Il tema e di assoluta attualità, tanto che la questione di un intervento su area vasta è stata sollevata con forza anche nel tavolo di concertazione che abbiamo attivato in Comune con le istituzioni e gli enti più direttamente interessati. Stiamo parlando di un'area dove si trovano oltre 20 milioni di persone, che vivono spesso in condizioni emergenza smog, come quella che stiamo subendo attualmente a Parma con 21 sforamenti consecutivi nel nostro territorio. 

L’accordo con i Ministeri e le Regioni è un primo passo importante che va nella direzione di attuare interventi non limitati all'ambito regionale e comunale. L’accordo deve però trovare concretezza nel breve periodo: coinvolgere maggiormente i Comuni che sono quelli che si trovano in prima linea ad attuare i provvedimenti emergenziali, e supportare con adeguate risorse le politiche di efficientamento energetico e mobilità. Su questo, del resto, Parma ha intrapreso un lavoro nella giusta direzione, con interventi di carattere strutturale che vanno oltre il contingente, come dimostra il quarto posto ottenuto nella classifica della mobilità sostenibile, nonostante la situazione della qualità dell’aria, purtroppo, sia tuttora pessima, al punto da richieder interventi di natura straordinaria, oltre a quelli già programmati e previsti dall’accordo in sede regionale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Ultime di Oggi
  • Sport

    Troppa Atalanta, il Parma si arrende: manita di Gasp, altro schiaffo

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 86 casi e un decesso

  • Cronaca

    Parma, sì ad altre riaperture. E da metà maggio coprifuoco posticipato

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento