Inquinamento, lunedì nero per Parma: Pm10 a 135 microgrammi

La soglia è 50 microgrammi. La denuncia del Gcr: "La centralina di via Montebello ha così registrato il 40° superamento della soglia limite di 50 microgrammi per metro cubo"

I dati di ieri, lunedì 21 ottobre 2013

"Dopo diverse giornate di pioggia -scrive il Gcr- che devono aver per forza ripulito l'aria, ieri, lunedì 21 ottobre, Parma si ritrova in via Montebello con il livello Pm 10 a 135 microgrammi per metro cubo, come media nelle 24 ore: figuriamoci a che valore sarà andato nelle ore di punta. La centralina di via Montebello ha così registrato il 40° superamento della soglia limite di 50 microgrammi per metro cubo d'aria, quando in un anno intero la legge consente 35 superamenti complessivi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella stessa giornata colpisce il dato delle centraline mobili e delle stazioni locali della zona nord di Parma. 83 microgrammi al Paip, 98 a Mezzani, 84 a Paradigna, 81 a Sorbolo. Sono le centraline più direttamente interessate all'attività industriale del forno inceneritore di Ugozzolo, perché ricadono nel cono di emissione previsto dal modello di previsione. Stupiscono questi dati perché le centraline hanno registrato fino ad oggi solo 5 superamenti dall'inizio dell'anno, essendo dislocate in zone periferiche, in genere non assediate dal traffico veicolare e/o dalla caldaie.

E quattro di questi superamenti sono degli ultimi giorni. L'aria di Parma è malata, nessuna novità, purtroppo. Ora scopriamo che anche nella periferia a nord del capoluogo la qualità dell'aria sta peggiorando. Una situazione che si è venuta a creare nell'ultimo recentissimo periodo, lo stesso che registra l'avvio del grande calderone di strada della Lupa. L'Oms raccomanda una soglia di 20 microgrammi di polveri sottili per metro cubo di aria, nonostante la legge per ora abbia fissato il limite a 50. Bisogna ricordare che le sostanze inquinanti non hanno peraltro una soglia minima al di sotto della quale si possa respirare tranquilli. Infine per ogni 10 microgrammi di Pm 10 in più è stato stimato un aumento del 6% di neoplasie. La qualità dell'aria è la qualità della nostra vita. Non dimentichiamolo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento