Corruzione, Bernini vuota il sacco. Green Money, oggi tocca a Moruzzi

L'ex assessore alla Scuola interrogato per nove ore in Procura. Il suo legale dice che ha risposto a tutto, anche su altre vicende che, seppur non contestate, emergono dalle intercettazioni telefoniche

Consegna di una tangente

A più di due settimane dal suo arresto l'ex assessore alla Scuola Giovanni Paolo Bernini, è stato interrogato dalle 9 alle 18 dalla pm Paola Dal Monte sui reati di corruzione e peculato che gli vengono imputati nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte tangenti per l'appalto delle mense scolastiche. Bernini è apparso molto provato dalla misura di custodia cautelare in carcere e stando al suo legale, Mario Bonati, "ha risposto a tutte le domande che gli sono stare poste dagli inquirenti". La pm e la Guardia di Finanza hanno chiesto conto a Bernini non solo delle ipotesi di reato contestate nell'ordinanza di custodia cautelare, ma hanno chiesto riscontri anche su altre vicende non oggetto di contestazione ma che emergono dalle intercettazioni telefoniche cui l'ex assessore è stato sottoposto nel corso del lungo periodo di indagine.

L'ex assessore, sempre stando al suo legale, avrebbe "fornito elementi soddisfacenti" anche in relazione a tali fatti e circostanze. L'interrogatorio del componente della Giunta del sindaco Pietro Vignali, che ha rassegnato le dimissioni da primo cittadino nei giorni successivi all'arresto del suo assessore, é solo l'ultimo di una lunga serie avviata dalla Procura fin dalla scorsa settimana. Negli uffici del Palazzo di Giustizia parmigiano sono passati molti degli indagati nelle inchieste 'Green Money II' (presunte tangenti per il verde pubblico, definita a giugno) e 'Easy Money' (quella in cui è coinvolto Bernini).

Di rilievo l'interrogatorio di Carlo Iacovini, dirigente del Comune, finito in manette nel blitz della Gdf del 24 giugno scorso (nel corso del quale furono arrestate altre 10 persone, tra cui un altro dirigente comunale e il capo della polizia municipale di Parma). Iacovini è rimasto negli uffici della Procura per circa otto ore e tornerà a farsi sentire, dopo oltre tre mesi e mezzo di carcerazione preventiva, il prossimo 17 ottobre. E' uno dei personaggi 'chiave' dell'inchiesta 'Green Money II' assieme ad Emanuele Moruzzi, dirigente del settore Ambiente considerato dagli inquirenti la 'mente' del giro di fatture gonfiate o per lavori inesistenti scoperto dalla Gdf. Moruzzi sarà sentito per la prima volta oggi dagli inquirenti che attendono dall'indagato conferme e riscontri alle accuse di corruzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo la Procura i dirigenti arrestati, in concorso con alcuni imprenditori, avevano architettato un sistema di assegnazione degli appalti che consentiva di 'drenare' dalle casse del Comune consistenti somme di denaro. Il giro ammonterebbe a circa 500mila euro. L'inchiesta che, ha detto il procuratore Gerardo La Guardia, sta continuando ancora dopo gli arresti di giugno ha aperto scenari inquietanti sulla diffusione della corruzione nella città emiliana e, di fatto, è costata la poltrona al sindaco Pietro Vignali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento