menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Iren, blitz di attivisti e famiglie agli sportelli: "Chiediamo il blocco dei distacchi"

Alle 11.20 di stamattina gli attivisti di Art Lab e Rete Diritti in Casa, insieme ad alcune famiglie che hanno subito il distacchi delle utenze, stanno protestando in strada Santa Margherita: "Vogliamo incontrare i dirigenti"

Gli attivisti della Rete Diritti in Casa e di Art Lab, reduci dal lavoro da volontari al quartiere Montanara 'assediato' dal fango, sono tornati ancora una volta all'interno dell'area dedicata agli sportelli di Iren, in strada Santa Margherita. Sono entrati verso le ore 11.20 con megafono e volantini che hanno distribuito ai clienti della multiutility in attesa del proprio turno. 

IL VIDEO DEL BLITZ

"Oggi siamo qui -dichiara un attivista- per chiedere il blocco dei distacchi di acqua, luce e gas per tutto il periodo invernale. La situazione economica di sempre più famiglie è critica e in molti non riusciranno a pagare le bollette. Steramo qui finchè non avremo un incontro con un dirigente, con il quale vorremmo confrontarsi sulla questione del blocco. Capiamo la situazione di emergenza della città in seguito all'alluvione per cui non vogliamo creare disturbo ai lavoratori e all'attività aperta al pubblico". La situazione è tranquilla dal punto di vista dell'ordine pubblico: sul posto un'auto della Digos. I dirigenti oggi non sono in sede e ora si sta trattando per fissare la data di un incontro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 134 contagi e 2 morti

  • Cronaca

    Omicidio di via Volturno: Patrick Mallardo non risponde al Gip

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento