Occupazione di Iren, Camorali: "Atti intimidatori nei confronti dell'azienda"

La consigliera regionale del gruppo Fi-Pdl prende posizione a favore di Iren: 'Ha aderito al protocollo d'intesa anticrisi e dà solidarietà alle forze dell'ordine: 'Comportamento improntato alla massima correttezza'

Iren e proteste degli attivisti per la moratoria sui distacchi. La consigliera regionale del gruppo Fi-Pdl Cinzia Camorali prende posizione a favore di Iren e dà solidarietà alle forze dell'ordine dopo l'occupazione degli uffici di venerdì. “Lo scorso venerdì 29 novembre -si legge in un comunicato- nella sede Iren in Santa Margherita a Parma, si è svolta una manifestazione per richiedere una moratoria con sospensione dei pagamenti delle bollette per le famiglie in difficoltà, che ha portato a 25 denunce, con l’accusa di occupazione abusiva di edificio privato, e all’interruzione, da parte dell’Azienda, delle attività di servizio ai clienti al fine di tutelare i propri lavoratori e i cittadini presenti al momento dell’occupazione.”

“In merito all’accaduto, ritengo doveroso accusare fermamente questi atti intimidatori, nei confronti di un’Azienda come Iren che ha aderito al protocollo d’intesa anticrisi per le persone in difficoltà e sta applicando tutte le agevolazioni previste dall’Authority per le fasce deboli (bonus per disagio economico e fisico), infatti, dopo l’incontro di ieri con i comitati che avevano occupato gli uffici, è stato deciso che per tutti i casi di morosità incolpevole non ci sarà nessun distacco delle utenze domestiche di gas, elettricità ed acqua fino al prossimo 16 gennaio. Iren ha dato la sua disponibilità aiutando concretamente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora tocca al Comune di Parma intervenire, individuando una politica sociale e tariffaria adeguata, aiutando, quindi, queste persone bisognose, che si trovano in difficoltà data la grave crisi economica in cui purtroppo ancora ci troviamo. Sono diversi i gestori di luce e gas che abbiamo in Emilia - Romagna, essendo il mercato dell’energia un “mercato libero”, ma non risulta che simili occupazioni e proteste siano state promosse nei confronti di altri gestori. In ragione di questo non comprendo l’atteggiamento da parte di alcuni politici di sinistra che si sono palesemente schierati dalla parte di chi protestava, e quindi di chi violava i diritti di quei cittadini presenti nella sede di Iren che attendevano semplicemente di ricevere il servizio e dei lavoratori di Iren che sono stati costretti a tornare il giorno seguente per finire il lavoro che era stato forzatamente interrotto. Sono d’accordo con il manifestare, ma solo se ciò avviene con moderazione e con debita autorizzazione. Il confronto, quindi, ci deve essere, ma che sia un confronto normale e civile. Il mio plauso e la mia solidarietà vanno alle Forze dell’Ordine, che durante l’occupazione di venerdì, hanno avuto un comportamento improntato alla massima correttezza e persuasione al fine di evitare conflitti e far degenerare la situazione". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento