Piazzale Picelli, minaccia la Polizia con una katana: marocchino in manette

L'abilità ed il coraggio degli Agenti delle Volanti intervenuti ieri sera in zona Oltretorrente hanno permesso di arrestare l'azione violenta di un trentenne marocchino ed evitare conseguenze ben peggiori

L’abilità ed il coraggio degli Agenti delle Volanti intervenuti ieri sera in zona Oltretorrente hanno permesso di arrestare l’azione violenta di un trentenne marocchino ed evitare conseguenze ben peggiori. Alle 23 circa di ieri sera la Sala operativa invia le pattuglie della Polizia nei pressi di piazzale Picelli, in quanto il gestore di un bar aveva chiesto soccorso tramite linea 113; in particolare, un uomo, visibilmente ubriaco, si era presentato al bar creando fastidio agli avventori e reagendo violentemente nei confronti del proprietario che, nel tentativo di allontanare il disturbatore, si era visto scagliare contro alcuni tavolini, fortunatamente non andati a bersaglio. Quindi è nata una piccola colluttazione tra i due, e dopo l’ulteriore tentativo del proprietario di allontanare dal locale il molesto avventore, quest’ultimo lo minacciava pesantemente, poi dileguandosi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A questo punto il proprietario richiedeva l’ausilio delle Volanti; sul posto però, oltre gli Agenti, tornava pure il cliente molesto, tenendo in mano una katana. Vista la Polizia l’uomo tentava di allontanarsi, ma veniva inseguito dagli Agenti ed accerchiato. L’uomo però non si arrendeva e, dopo aver minacciato e offeso gli operatori, all’improvviso cercava di estrarre la spada dal fodero: pochi istanti, ma sufficienti per gli Agenti per bloccare l’uomo e disarmarlo con tempismo e abilità. M.M., classe 1983, marocchino, incensurato, residente a Parma e titolare di regolare permesso di soggiorno, veniva tratto in arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale e denunciato altresì per porto abusivo di armi, oltraggio a P.U. e minaccia aggravata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Pestato a sangue per aver difeso un collega: barista di Busseto in ospedale

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento