L'Agenzia delle Entrate vince la causa contro Antonio Cassano

Secondo quanto stabilito dai giudici della Cassazione alcuni compensi per 263 mila euro devono essere tassati

L'Agenzia delle Entrate ha vinto, in Corte di Cassazione, il ricorso contro il calciatore Antonio Cassano, ex attaccante del Parma Calcio, per 263 mila euro che, secondo quanto stabilito dai giudici, avrebbero dovuto essere tassati. I soldi erano arrivati al giocatore quando militava nella Roma come fringe benefit, in favore del suo procuratore. I giudici tributari pugliesi avevano sollevato perplessità in merito all'eventuale tassazione di quei compensi: la Cassazione invece ha dato ragione all'Agenzia delle Entrate. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Basket in lutto: muore la 18enne Alessia Zambrelli

  • Violenta una bimba di 8 anni nel suo negozio: arrestato commerciante 37enne

  • Terrore in A1, auto si schianta e si incendia vicino al treno deragliato: muore una 21enne parmense

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Schianto mortale in A1: arrestato il pirata della strada che ha travolto l'auto dei quattro giovani

  • "Addio Alessia, che tu ora possa trovare la serenità"

Torna su
ParmaToday è in caricamento