rotate-mobile
Cronaca

L'allarme del Prefetto: "Parma non ha più posto per profughi e migranti"

Garufi: "Qualcuno mi ha chiesto se siamo in dirittura per l'approntamento di campi, di tende o di tensostrutture: io non vorrei arrivarci a quello, ma dobbiamo tenere presente che ci sono problemi di posti"

Da poco più di 500 migranti arrivati a Parma nell'intero 2022 a 150 nei primi tre mesi. E il numero pare sia destinato a crescere sempre di più con il passare dei giorni. La città si prepara all'accoglienza, ma l'intensificarsi di arrivi e sbarchi ha portato il sistema dell'accoglienza del territorio quasi al collasso. Lo ha fatto intendere il Prefetto Lucio Antonio Garufi: "Il trend è in ascesa, i numeri sono in salita perché la situazione è molto complessa. Previsioni in questo campo non se ne possono fare, però possiamo dire che altre persone continueranno ad arrivare. Sul fronte dell'accoglienza, inutile girarci intorno: i posti sono esauriti e noi stiamo mettendo in campo tutte le opzioni possibili. Ho convocato tutti i sindaci per fare fronte comune, come Prefettura abbiamo pubblicato un nuovo avviso per il reperimento di 400 posti. Oggi o domani ci sarà un altro bando per aprire centri di accoglienza straordinaria per minori stranieri non accompagnati, perché quello è un problema nel problema. Stiamo cercando di coinvolgere tutte le componenti istituzionali e volontaristiche della città e della provincia perché abbiamo veramente bisogno della collaborazione di tutti. Qualcuno mi ha chiesto se siamo in dirittura per l'approntamento di campi, di tende o di tensostrutture: io non vorrei arrivarci a quello, nessuno vuole arrivarci però dobbiamo tenere presente che ci sono ineludibili e insopprimibili necessità di accoglienza di persone che stanno arrivando e ci verranno assegnati in un contesto distribuzione nazionale". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'allarme del Prefetto: "Parma non ha più posto per profughi e migranti"

ParmaToday è in caricamento