Cronaca

L'Inps chiede 7 mila euro ad una lavoratrice per la disoccupazione: Inca Cgil vince il ricorso

Ecco tutti i dettagli della vicenda in Tribunale

Nei giorni scorsi il Tribunale di Parma ha riconosciuto fondato il ricorso costruito da INCA CGIL territoriale e dai suoi consulenti legali contro un provvedimento che chiedeva la restituzione di quasi 7 mila euro percepiti a titolo di disoccupazione (Aspi).

La lavoratrice in disoccupazione, infatti, aveva deciso di richiedere la pensione spettante per il regime sperimentale “Opzione donna”, qualche mese dopo la maturazione dei requisiti e l’INPS ha sostenuto l’incompatibilità dell’indennità di disoccupazione con l’avvenuta maturazione del diritto a pensione.

Il Tribunale di Parma ha dato ragione all’INCA, chiarendo che tale incompatibilità vige solo per la maturazione dei requisiti “per il pensionamento di vecchiaia o anticipato” (come indicato dalla legge L. 92/2012) e non “qualsivoglia trattamento pensionistico”.

L’INPS di Parma non ha ritenuto di ricorrere in appello. "Quello ottenuto -ha dichiarato Luca Ferrari, direttore del Patronato INCA di Parma - è un importante pronunciamento, a quanto ci risulta il primo a livello nazionale, che si inserisce nel solco delle iniziative volte a difendere ed ampliare i diritti dei cittadini e dei lavoratori, attività che caratterizza da sempre l’operato del Patronato INCA e della CGIL".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Inps chiede 7 mila euro ad una lavoratrice per la disoccupazione: Inca Cgil vince il ricorso

ParmaToday è in caricamento