E' caccia alla banda delle scuole: vandalismi e furti in sette istituti scolastici

Entrano, forzano le porte, devastano le macchinette dei distributori e quando riescono commettono dei furti: è caccia al gruppo di giovanissimi che lascia un messaggio sulla lavagna dopo le azioni: ""Non ci avrete mai: Knus, Digos, Fbi. Neanche con Miami Vice"

Vandalismi al Liceo Sanvitale

Entrano di notte all'interno delle scuole, cercano di distruggere il più possibile e di rubare quel che riescono, poi scappano con il favore dell'oscurità. E' successo sette volte negli ultimi dieci giorni, tanto per far scattare l'allarme della bande delle scuole. I protagonisti di questa storia sono tutti giovanissimi, probabilmente studenti di qualche istituto superiore, che hanno deciso di sfidare le istituzioni scolastiche. Dopo le azioni sulle lavagne infatti lasciano un messaggio, che è una citazione di una canzone rap: "Non ci avrete mai: Knus, Digos, Fbi. Neanche con Miami VIce", un messaggio scherzoso che suona come una presa in giro. Nel concreto gli istituti colpiti sono stati: l'Istituto Bocchialini, il Melloni, il Rondani, il Bodoni, l'Itis Leonanrdo da VInci, l'Albertina San Vitale, l'Istituto Comprensivo Micheli e l'Isitituto Comprensivo Montebello. In tutti i raid i componenti della banda sono entrati, hanno forzato le porte, distrutto le macchinette dei distributori automatici, devastato gli arredi. In alcuni casi hanno effettuato veri e propri furti: dieci computer sono spariti dal Liceo Sanvitale in un'occasione e cinque in un'altra. I carabinieri stanno indagando sugli episodi degli ultimi giorni, anche grazie alle immagini delle telecamere presenti in alcune delle scuole colpite. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento