rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca

La fuga in treno dopo furti a raffica e un incidente: la notte folle di un 17enne fermato dalla Polfer a Fidenza

Un cittadino marocchino di 18 anni, all'epoca dei fatti ancora 17enne dovrà rispondere di tentato furto e furto aggravato, rispettivamente, per l’abitazione e le due attività commerciali

Notte folle per un cittadino marocchino di appena 18 anni, all'epoca dei fatti ancora 17enne, che ha dato molto da fare ai Carabinieri della Stazione di Anzola Emilia. Il ragazzo è ritenuto responsabile di furti ai danni di un’abitazione, di due attività commerciali, del passeggero di un treno, e poi di un veicolo con il quale si è schiantato, il tutto quando era ancora minorenne. Il ragazzo, ospite di una comunità in Lombardia, il 10 ottobre scorso, sarebbe arrivato ad Anzola alle ore 01:30 di notte: prima "tappa" del suo viaggio, un’abitazione sulla via Emilia. Ha cercato di entrare, ma era stato scoperto dal proprietario.

Furti e un incidente 

Se la prima impresa non aveva avuto successo, è andata meglio in via Giovanni Goldoni dove, dopo aver forzato la porta d'ingresso di una macelleria, ha rubato 150 euro dal registratore di cassa e un telefonino.  Poi è stata la volta di un’agenzia funebre: lì ha portato via un notebook e le chiavi di un furgone parcheggiato nelle vicinanze. Sebbene senza patente, si era messo alla guida del veicolo, poco dopo era andato a sbattere contro un fittone di cemento. Costretto ad abbandonare il mezzo, si era allontanato a piedi verso la stazione. Lì avrebbe preso un treno per tornare a Milano.

Non volendo scendere a mani vuote, è stato scoperto dopo aver derubato un passeggero. All’altezza di Fidenza (PR) era quindi stato bloccato dalla Polizia Ferroviaria e denunciato.

Ladro maldestro

Nel frattempo, i Carabinieri sono riusciti a identificare il giovane: fondamentali le immagini del sistema di sorveglianza dell’abitazione sulla via Emlia e le telefonate fatte con lo smartphone rubato al macellaio alla mamma e alla zia. Inoltre, un’impronta lasciata sulla vetrata dell’agenzia funebre e inviata ai Carabinieri del RIS di Parma ha confermato tutti i sospetti degli investigatori. 

Il giovane, ora 18enne, che aveva già alle spalle precedenti di polizia per reati contro il patrimonio (furti e rapine), per questo già gravato da una misura cautelare di collocamento in comunità per altra causa, dovrà rispondere di tentato furto e furto aggravato, rispettivamente, per l’abitazione e le due attività commerciali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La fuga in treno dopo furti a raffica e un incidente: la notte folle di un 17enne fermato dalla Polfer a Fidenza

ParmaToday è in caricamento