Scuola Racagni, al via i laboratori per fare il pane. Insegna il consigliere Zioni

Mirco Zioni, presidente della sezione locale del Movimento per la Decrescita Felice e consigliere dei 5 Stelle, ha mostrato ai bambini delle classi 1° e 4° A come fare il pane

Sono partiti questa mattina per due classi della scuola Racagni, ospitate temporaneamente alla Corazza, i laboratori di panificazione che hanno interessato le classi 1^ A e la 4^ A. Un momento di festa per gli alunni accompagnati dalle maestre Daniela Mondello e Savy Francesca. A insegnare loro l’arte della panificazione come avveniva un tempo, il consigliere comunale Mirco Zioni, del Movimento 5 Stelle, presidente della locale sezione di Mdf, Movimento decrescita felice, che li ha condotti lungo un percorso durato tutta la mattina partendo dall’utilizzo del lievito madre o naturale – la base di lievito e farina – per fare il pane, al suo impasto, fino alla cottura. Il vicesindaco con delega alla scuola ed ai servizi educativi, Nicoletta Paci, ha raggiunto gli alunni ed i volontari, tra cui Antonella Ferrari di Slow Food, impegnati nel laboratorio per portare i saluti dell’Amministrazione e testimoniare l’importanza che i laboratori, inseriti nel progetto “Crescere in armonia” rivestono per l’Amministrazione stessa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


“Il percorso dei laboratori – ha spiegato il vicesindaco – vuole riabituare i bambini alle cose fatte in casa,  per riappropriarsi della manualità  e del valore dei prodotti fatti con le proprie mani”. Al progetto legato ai laboratori per la panificazione si affianca anche il progetto legato alla realizzazione di orti sinergici con il coinvolgimento complessivo di oltre 500 alunni tra scuole primarie e scuole dell’infanzia. La panificazione coinvolgerà la scuola primaria Campanini dell’Istituto Comprensivo Bocchi, la Racagni ospitata alla Corazza, la Natale Palli dell’Istituto Comprensivo Bocchi, la scuola dell’infanzia Locomotiva, la scuola primaria Bozzani dell’Istituto comprensivo Montebello, e la scuola primaria Pezzani dell’istituto comprensivo Puccini. Al progetto degli orti sinergici partecipano la scuola Corazza dell’Istituto Comprensivo Bandiera, e la Padre Lino Maupas, accanto alla Pezzani e la scuola dell’infanzia Agazzi.

Il Movimento di decrescita felice è un’associazione di promozione sociale che, senza scopo di lucro, ha come obiettivo il recupero di comportamenti sani di cui l’uomo ha bisogno per vivere in armonia con l’ambiente che lo circonda. Da qui l’intenzione di diffondere pratiche antiche come quella del pane fatto in casa e degli orti sinergici, due progetti didattici volti a recuperare il rapporto dei bambini con il mondo naturale. Gli orti sinergici partono dall’esperienza maturata dalla spagnola Emilia Hazelip basata su forme di coltivazione naturale senza compost o fertilizzanti, ma con particolare attenzione alle piante ed alle essenze che si utilizzano secondo il principio “vivere senza distruggere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento