Largo Coen, donna aggredita dal compagno: si rifugia in parrocchia

La Polizia è intervenuta ieri sera per verificare la storia di una ragazza che si è recata con i 4 figli presso la parrocchia del Buon Pastore, raccontando di essere stata picchiata dal convivente

polizia

Una pattuglia della Polizia si è recata ieri sera in un'abitazione di Largo Coen per accertare la storia di una donna di etnia Rom di circa trent'anni che si è recata presso la parrocchia del Buon Pastore con i quattro figli piccoli, raccontando di essere stata vittima di un'aggressione. Come riferisce Tv Parma la donna ha denunciato di essere stata picchiata dal compagno, di aver subito botte e cinghiate. Le azioni sarebbero state compiute anche nei confronti dei figli, tra i 5 e i 10 anni. La donna e i bambini si trovano in una struttura di accoglienza protetta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento