Pdl, prosegue il turn-over forzato in Regione: Camorali al posto di Lavagetto

La nomina di Lavagetto, 'abusivo' secondo la Legge Severino, è stata più che altro simbolica dopo la sospensione di Luigi Villani. Con l'entrata in vigore della legge subentra la seconda dei non eletti

Cinzia Camorali

Villani, Lavagetto, Camorali. Il turn-over forzato degli esponenti del Pdl parmigiani all'Assemblea Legislativa dell'Emila-Romagna sembra ormai una staffetta. Dopo la sospensione della carica di consigliere regionale a Luigi Giuseppe Villani, arrestato per l'inchiesta Public Money, al suo posto era subentrato Gianpaolo Lavagetto.

Una nomina che aveva suscitato polemiche perchè Lavagetto è stato condannato per peculato per la tristemente famosa vicenda delle bollette pazze per la navigazione su siti porno. Ma la nomina di Lavagetto, 'abusivo' secondo la Legge Severino, è stata più che altro simbolica e destinata anch'essa ad un ulteriore passaggio. Con l'entrata in vigore della legge al suo posto è subentrata Cinzia Camorali del Pdl, seconda dei non eletti.

Già assessore dell'ex giunta comunale di Parma travolta da inchieste, condannato in primo grado a un anno e sei mesi per peculato nell'uso del cellulare di servizio (ma si è sempre detto innocente), era subentrato all'ex capogruppo del Pdl in Regione, Luigi Villani, sospeso dallo stesso decreto dopo gli arresti domiciliari per l'inchiesta parmigiana Public Money.

Lo stesso 'decreto anticorruzione' (Legge Severino) prevede la sospensione dall'incarico sia per chi ha misure di restrizione (dopo i domiciliari revocati Villani comunque non può partecipare all'Assemblea a Bologna), sia per chi ha subito una condanna, ma la procedura lunga alcuni mesi ha permesso a Lavagetto di trascorrerli da consigliere regionale.

Ieri però è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri che sospende Lavagetto fin dal suo primo giorno da consigliere, il 21 maggio 2013: dovrà restituire quanto percepito oltre il 50% dell'indennità, quota che gli spetta in quanto consigliere sospeso. La stessa quota che continua a percepire Villani, almeno fino al 4 ottobre quando si terrà la prima udienza del processo a suo carico. Lavagetto, secondo della lista Pdl a Parma alle regionali del 2010 (poi fuoriuscito dal partito, ora e' nel gruppo misto), dovrà lasciare il posto alla terza in lista, Cinzia Camorali, ma solo dopo le verifiche di rito: la sostituzione non può avvenire prima di una seduta dell'Assemblea alla quale la Prefettura di Bologna dovrà notificare le nuove disposizioni. Presumibile dunque la prima o la seconda settimana di settembre: i capigruppo decideranno la data della seduta dopo l'Ufficio di Presidenza dell'Assemblea già convocato il 28 agosto.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento