Publico6tu: i lavoratori del settore pubblico scendono in piazza

Mobilitazione nazionale Cgil Cisl e Uil a Roma l'8 novembre. A scendere in piazza contro le politiche del Governo i lavoratori del settore pubblico contro tagli linerari, riduzione servizi, Cgil: "Non si investe nella legalità e nella lotta all'evasione"

Manifestazione Cgil, immagini di repertorio

Il prossimo sabato 8 novembre i lavoratori dei servizi pubblici di CGIL, CISL e UIL manifesteranno unitariamente a Roma. "È la prima volta che accade in questi settori - rende noto la Cgil con un comunicato diffuso -. Porteremo per le strade la professionalità di chi lavora al servizio delle persone, offre servizi che rappresentano l'unico argine a una crisi che quelle persone le indebolisce, le impoverisce, le lascia prive di mezzi e tutele. Le proposte del Governo non aiutano il Paese: si riducono ulteriormente i servizi attraverso tagli lineari insensati; continua la riduzione del lavoro pubblico e si nega fino al 2018 la riapertura della contrattazione, nonostante il costo del personale sia sceso in 5 anni di oltre 9 miliardi mentre la spesa complessiva è comunque salita di 14; non si toccano i centri dello spreco, non si riducono i centri di spesa, non si colpiscono le sacche di privilegio; non si prevede una riorganizzazione delle funzioni centrali e nemmeno l'unificazione degli sportelli che offrono servizi sul territorio; non si investe nella legalità e nella lotta all'evasione, abbandonando il sistema di controllo e cancellando le poche assunzioni di ispettori del lavoro previste; non si tutela la salute, riducendo la copertura del sistema pubblico senza ripensarlo, ovvero portando la sanità nel territorio con i servizi di prossimità; si indeboliscono gli enti locali senza riordinarli e metterli nelle condizioni di assolvere alle loro funzioni; si propongono soluzioni spot come i bonus bebè, mentre con 500 milioni all'anno in tre anni si potrebbero costruire e gestire a regime 1000 asili nido, per 60mila bambini e 12mila nuovi posti di lavoro; mancano risposte per i 120mila precari della pubblica amministrazione; la staffetta generazionale non c'è e, mentre il Governo promette 15mila posti di lavoro, in tre anni avremo in realtà 58mila dipendenti in meno. Ma non scendiamo in piazza contro il Governo. Sarebbe riduttivo".

"Scendiamo in piazza per sbloccare il futuro e lo facciamo indicando le priorità per la riforma dei servizi pubblici: riaprire la contrattazione e sbloccare i salari, perché nessuna rivoluzione e possibile con lavoratori impoveriti e umiliati; investire in formazione, modernizzazione e stabilità, a partire dai precari della pa che garantiscono servizi vivendo con scadenze regolari nell'incertezza; una riorganizzazione dei servizi sul territorio, dei corpi dello stato, un vero piano industriale per la pa; costi e servizi standard a tutela dell'universalità dei diritti ma anche come freno a sprechi e sacche di illegalità; stop al dumping nel privato che offre servizi pubblici pagati dalla collettività (sanità privata, settore socio sanitario assistenziale educativo, igiene ambientale), e quindi basta salari diversi per lavori identici, basta accreditamenti senza il rispetto dei diritti dei lavoratori, senza applicazione dei contratti e senza standard di qualità a tutela delle persone. L'8 novembre scendiamo in piazza per pretendere una vera riforma della Pa e dei servizi pubblici, portiamo a Roma l'orgoglio di chi è al servizio dei cittadini. Perché senza pubblico sei solo. L'8 novembre 2014 la Cgil Emilia Romagna sarà a Roma, a fianco delle lavoratrici e dei lavoratori dei servizi pubblici e della conoscenza Sabato 8 novembre è prevista una nuova importante iniziativa per cambiare i provvedimenti del Governo in materia economica e sociale. Vedrà protagonisti le lavoratrici ed i lavoratori della Pubblica Amministrazione e della conoscenza per il rinnovo dei contratti e la stabilizzazione dei lavoratori precari. La Cgil Emilia Romagna chiama l'insieme delle categorie ad assicurare la presenza di proprie delegazioni a questo evento. Sarà infatti un momento importanti di denuncia degli errori e delle falsità che hanno determinato l'attuale, insostenibile situazione dell'economia, e che la Legge di stabilità proposta non rovescia ma consolida e rilancia. Non è vero che i lavoratori pubblici sono troppi e la spesa è eccessiva, la verità è che si spende male e si gestisce male il personale. E non saranno tagli lineari ed impoverimento di lavoratori e pensionati a risolvere questi problemi. Il Governo intende procedere nelle proprie scelte accusando il sindacato di voler bloccare le riforme. Ma negli ultimi due decenni di riforme se ne sono fatte tante: hanno peggiorato il mercato del lavoro, sconvolto il sistema previdenziale, bloccato il sistema contrattuale, disarticolato il sistema istituzionale... La verità è che non sono mancate le riforme ma le buone riforme. Davvero é ora di “cambiare verso”, rilanciando un ruolo forte della pubblica amministrazione e del sistema scolastico ed universitario, riconoscendo e sviluppando le competenze dei lavoratori con il rinnovo dei loro contratti, sostenendo i redditi più modesti ed aprendo una stagione di investimenti resa possibile sia dalla modifica delle politiche europee che da una politica fiscale che chiami la ristretta minoranza che ha accumulato in questi anni una parte enorme della ricchezza del Paese ad assicurare il suo contributo. Per tutte queste ragioni, che non sono dei soli lavoratori pubblici, la Segreteria Regionale della Cgil chiama l'insieme dell'organizzazione ad assicurare la presenza di delegazioni di lavoratrici e lavoratori di tutti i settori nell'iniziativa in programma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Pestato a sangue per aver difeso un collega: barista di Busseto in ospedale

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento