Scioperi, i lavoratori dello spettacolo protestano davanti al Teatro Regio

Gli stanziamenti del Fondo Unico per lo Spettacolo potrebbero scendere dai 408 milioni di euro del 2010 a 262 milioni nel 2011. I sindacati: "La crisi è solo un pretesto. Il vero obiettivo di questo Governo è la privatizzazione della cultura"

sciopero-spettacolo-teatro-regio-2-1Sciopero stamane dinanzi al Teatro Regio di Parma. Dopo la serrata dei musei, i lavoratori di cinema, teatri, produzioni e postproduzioni televisive e cinematografiche hanno incrociato le braccia per dire no ai tagli alla cultura previsti dalla Finanziaria 2011. I sindacati di categoria SLC-CGIL, FIST-CISL e UILCOM-UIL hanno indetto uno sciopero nazionale della produzione culturale e dello spettacolo, a cui hanno aderito anche associazioni come ANICA e AGIS, chiamando alla mobilitazione i lavoratori di musica, prosa, cinema, un settore che dà lavoro a circa 550mila persone.

I sindacati del settore chiedono soprattutto l’approvazione delle leggi quadro di sistema dello spettacolo dal vivo e cineaudiovisivo, la conferma del rifinanziamento per il prossimo triennio degli incentivi fiscali alle imprese del settore cinematografico (tax credit e tax shelter) e chiedono di riportare il FUS (Fondo Unico dello Spettacolo) al livello del 2008, vale a dire a circa 450 milioni di euro. La situazione è infatti molto grave, quest'anno gli stanziamenti per il FUS potrebbero scendere a 262 milioni di euro, contro i 408 di del 2010 e questo porterebbe ad una crisi non più controllabile nel settore.

Secondo i sindacati di categoria, un governo che non investe in istruzione, in cultura e nelle infrastrutture tecnologiche non ha a cuore il futuro del Paese. La crisi è solo un pretesto, il disegno di questo governo è politico e tende alla implosione del sistema con l’obiettivo della privatizzazione della cultura. Occorre invece battersi fino in fondo perché questi settori abbiano i dovuti finanziamenti, le adeguate leggi di sistema e la definizione di una rete protettiva per i lavoratori. Ribadiamo che la produzione culturale e lo spettacolo, oltre a garantire migliaia di posti di lavoro, sono un forte volano di economia e un fondamentale strumento di coesione sociale.

Dinanzi al luogo simbolo della cultura a Parma, i manifestanti hanno distribuito un volantino con cui hanno inteso informare la cittadinanza delle loro ragioni e della piattaforma rivendicativa dei sindacati di categoria. Contestualmente le voci registrate dei professionisti della cultura, hanno declamato l’elenco proposto da Abbado a “Vieni via con me”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

sciopero-spettacolo-teatro-regio-1

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Betoniera si ribalta in tangenziale: muore il conducente 31enne

  • Coronavirus: riapre il reparto Covid al padiglione Barbieri

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento