menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La scuola Parmigianino

La scuola Parmigianino

Lavori alla Parmigianino: la scuola sarà pronta per settembre

Sopralluogo degli assessori Aiello e Bernini che hanno verificato lo stato del cantiere per il quale sono stati spesi 4,5 milioni di euro. In corso il collaudo degli impianti poi si passerà agli arredi

Gli assessori Giorgio Aiello (Lavori Pubblici) e Giovanni Paolo Bernini (Politiche per l’Infanzia e la scuola) si sono recati per un sopralluogo alla scuola media Parmigianino, dove hanno voluto verificare di persona lo stato del cantiere di piazzale Rondani, per il quale sono stati investiti circa 4 milioni e 500 mila euro.

I lavori sono pressoché terminati e sono attualmente in corso gli ultimi interventi di finitura e di collaudo degli impianti.
Dopodiché inizieranno gli interventi di pulizia e di arredo dei locali in modo che la scuola sia pronta per l’inizio dell’anno scolastico.
I lavori sono stati realizzati dall’impresa CEA (Cooperativa Edile Artigiana) nei tempi stabiliti, nonostante le difficoltà legate ai vincoli finanziari del  Patto di Stabilità.

Nuovi laboratori nel sottotetto
I lavori eseguiti restituiscono alla città la nuova scuola di piazzale Rondani, completamente rinnovata e con strutture resistenti alle azioni sismiche.
Uno degli interventi di maggiore rilievo è stato il completo rifacimento delle strutture di copertura con il recupero del volume del sottotetto, nel quale ora trovano posto quattro nuove aule per gli studenti ed i servizi igienici.
Alla apertura del nuovo anno scolastico, gli studenti attualmente ospitati all’interno della scuola Cocconi, in piazzale Picelli, potranno ritornare sui banchi delle loro originaria sede, completamente rinnovata. La scuola ospiterà circa 370 studenti divisi in 5 sezioni.

Soluzioni antisismiche all’avanguardia
I lavori, iniziati nel dicembre 2009, si sono resi necessari per sanare i malanni dovuti al passare del tempo (l’immobile risale al 1924) e in particolare per sistemare la copertura, ripristinare il prospetto che si affaccia su piazzale Rondani, oltre che per adeguare strutturalmente l’edificio alle recenti normative sismiche.

Il progetto di ristrutturazione è stato approvato dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici della provincia di Parma. Per quanto riguarda l’aspetto di consolidamento strutturale sono state realizzate sottofondazioni in calcestruzzo armato sotto le murature portanti, le travi in calcestruzzo sono state consolidate tramite l’applicazione di fibre di carbonio mentre i vecchi solai a volterranea sono stati irrigiditi realizzando nuove solette armate in calcestruzzo alleggerito.

La ristrutturazione ha consentito una nuova e più funzionale destinazione d’uso dei locali; ad ogni piano sono stati ricavati bagni indipendenti tra maschi e femmine, sistemati in posizioni differenti da quelle originarie, in modo da consentire una maggiore funzionalità.

Sono state sostituite tutte le finestre in legno, conservando il disegno del modello originale, come pure tutte le porte, benché nuove, hanno conservato lo stile originale.
In tutti gli ambienti è stato installato un controsoffitto idoneo a limitare il fastidioso fenomeno del riverbero acustico, completamente rinnovati il laboratorio informatico e l’aula di musica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento